Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Trasporti sullo Stretto, depositato ieri emendamento da 30 milioni di euro

Letto 75 volte

MetromareTrenta milioni di euro da spendere per i trasporti sullo Stretto tra il 2015 e il 2017. Depositato l’emendamento del Governo Renzi alla Legge di Stabilità per garantire i collegamenti veloci tra Sicilia e Calabria.

“Si conferma l’impegno preso espressamente dal ministro Lupi -commenta il parlamentare NCD Enzo Garofalo– che qualche settimana fa aveva garantito la soluzione del problema e chiesto al proprio staff di predisporre in tempi rapidi l’emendamento. E’ comunque doveroso pronunciarsi con estrema prudenza perché l’emendamento è stato solo depositato. Si tratta però di un emendamento governativo, scritto su input preciso del ministro Lupi e che ha già incassato parere positivo della Ragioneria di Stato per cui possiamo dire che la soluzione del problema sembra più vicina”.

Nonostante il sì in Commissione Trasporti della Camera sui fondi da stanziare per non interrompere la continuità territoriale, successivamente era arrivato il niet della Commissione Bilancio, facendo saltare tutto.

Dopo la levata di scudi a Messina e a Reggio Calabria il ministro dei Trasporti Maurizio Lupi si era impegnato a risolvere la cosa e ieri pomeriggio è arrivato l’emendamento. Che però dimostra solo un po’ di buona volontà da parte dell’esecutivo, ma che, come ha sottolineato Garofalo, deve ancora essere approvato. E in ogni caso, c’è un problema immmediato da risolvere per non lasciare a terra i pendolari.

Il 31 dicembre scadranno le proroghe concesse alla controllata del Gruppo FS BluFerries e alla Ustica Lines (ex socie del Consorzio Metromare) per le tratte Messina-Villa San Giovanni e Messina-Reggio Calabria e del progetto promesso dal ministero, che prevede che i collegamenti siano gestiti dall’azienda pubblica, non c’è ancora traccia.

“Di fatto -spiega Michele Barresi, delegato regionale del sindacato autonomo Orsa Trasporti- visti i tempi di attuazione di quanto previsto dall’emendamento nel caso in cui dovesse essere approvato, c’è un buco di almeno 6 mesi da coprire. Il progetto già approvato dal ministero dei Trasporti, che vede BluFerries gestire i collegamenti tra Messina, Villa San Giovanni e Reggio Calabria in attesa dell’espletamento del bando da finanziare con i 30 milioni previsti dall’emendamento, sembra sparito.

Ma alla fine dell’anno mancano poco più di due settimane e bisogna incalzare sia il governo che il Gruppo Ferrovie dello Stato, per garantire i collegamenti dall’1 gennaio in poi e per tutelare i 57 lavoratori della Ustica Lines, che da quel giorno non saranno più a bordo delle navi dell’armatore privato”.

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.