Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Terme Vigliatore, scomparsa Antonio Russo: analisi dei RIS sulle due auto della moglie

Letto 2359 volte

MESSINA. Si sono conclusi poco dopo le 17 gli accertamenti dei RIS di Messina sulle due auto di Anna Santa Catanesi. La donna, sposata con il 78enne Antonio Russo, scomparso il 30 novembre scorso e mai più tornato a casa dopo che era uscito per una passeggiata, da ieri risulta indagata per omicidio colposo e occultamento di cadavere dalla Procura della Repubblica di Procura di Barcellona Pozzo di Gotto. Gli uomini dei Reparti di Investigazioni Scientifiche hanno esaminato per ore la Renault Modus e la Fiat Panda della Catanesi, cercando le eventuali tracce che possano portare a imprimere una svolta definitiva alle indagini, che vanno avanti dalla fine dell’anno scorso. Tra gli accertamenti effettuati, anche quelli di tipo balistico. Le Forze dell’Ordine e il Comando Compagnia Carabineri di Barcellona PG, agli ordini del capitano Giancarmine Carusone, stanno lavorando per fare piena luce su questa vicenda, della quale si è occupata più volte anche la trasmissione di RAI 3 “Chi l’ha visto?”. Sul posto anche i legali della famiglia Russo, l’avvocato Nino Aloisio, e di Anna Santa Catanesi, l’avvocato Carmelo Monforte.

Terme Vigliatore, scomparsa Antonio Russo: analisi dei RIS sulle due auto della moglie
Terme Vigliatore, scomparsa Antonio Russo: analisi dei RIS sulle due auto della moglie
Terme Vigliatore, scomparsa Antonio Russo: analisi dei RIS sulle due auto della moglie
Terme Vigliatore, scomparsa Antonio Russo: analisi dei RIS sulle due auto della moglie
Terme Vigliatore, scomparsa Antonio Russo: analisi dei RIS sulle due auto della moglie
Terme Vigliatore, scomparsa Antonio Russo: analisi dei RIS sulle due auto della moglie

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.