Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Sport. Incetta di medaglie per gli atleti della ASD Centro Takwondo Barcellona alla manifestazione “Kids Cup”

Letto 401 volte

Ottima prestazione per gli atleti della ASD Centro Takwondo Barcellona del maestro Giovanni Cappellano. Alla “Kids Cup” che si è svolta il 12 Maggio al PalAlberti, su otto atleti presenti alla gara, ben sei hanno conquistato il podio. A salire sul gradino più alto è stato l’atleta Jennifer Iannello nella categoria esoridienti A -24 Kg Bianca/Gialla. Alla sua prima gara la giovanissima ha dimostrato di avere tecnica e carattere. La prima medaglia d’argento è stata conquistata da Vittorio Sciacca nella categoria cadetti B -53 Kg Verde/Blu, che dopo aver brillantemente superato i primi 2 incontri, purtroppo si è dovuto fermare in finale per un infortunio.

La seconda medaglia d’argento è stata conquistata da Marco Sciacca nella categoria esordiente A -45 Kg Bianca/Gialla, che dopo aver superato con tecnica il primo combattimento, perde in finale.
La terza medaglia d’argento è stata conquistata da Clara Bagnato nella categoria Cadetto B -45 Kg Verde/Blu, che pur dimostrato tecnica e carattere non riesce a conquistare il podio.
La quarta medaglia d’argento infine è stata conquistata da Michele De Francesco nella categoria Esordiente A -41 Kg Bianca/Gialla, anche lui alla sua prima gara ha dimostrato carattere ma non è riuscito a battere l’avversario molto più esperto di lui.
La medaglia di bronzo e stata conquistata da Giunta Daniele Pio nella categoria Esordiente A -24 Bianca/Gialla, che nella sua prima gara dopo aver superato 2 incontri, si è fermato in semifinale.
Ottime anche le prestazioni di Antonino Isgrò e Antonino Iannello,entrambi alla sua prima gara non sono riusciti a prendere il podio sfoggiando però doti importanti.
Grande soddisfazione ha espresso il maestro Giovanni Cappellano per i risultati conseguiti.

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.