Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Sicilia. La Commissione europea: lo stop a Mare Nostrum è stato un grave errore

Letto 184 volte

migranti_sbarcatiImportante presa di posizione del presidente della Commissione Europea Jean Claude Juncker durante la discussione sulle migrazioni al Parlamento Europeo. “È stato un grave errore aver posto fine alla missione Mare Nostrum ed è costato vite umane” – ha detto Juncker durante la sessione plenaria a Strasburgo. Nel suo discorso ha aggiunto che: “non è stato normale lasciare l’Italia da sola a finanziare la missione Mare Nostrum. D’ora in poi saranno il bilancio europeo e i contributi nazionali a finanziare la missione Tritone“.

Il sindaco di Palermo e presidente ANCI Sicilia Leoluca Orlando ha commentato le dichiarazioni  usando toni molto forti, plaude alle parole di Junker ma chiede di più: “occorre immediatamente ripristinare Mare Nostrum, che aveva finalità umanitarie e non di mere logiche di sicurezza, come Tritone, che ha prodotto e produce stragi di innocenti e rende l’Unione europea complice del genocidio di migranti”.

Secondo Orlando ha fatto bene Juncker ad affermare che la risposta europea non è ancora sufficiente. “L’Unione europea, su questa emergenza, mantiene infatti un’impostazione alla Ponzio Pilato – ha aggiunto il sindaco di Palermo – che ignora la dignità al diritto e alla vita dei migranti. Come dice il presidente della commissione Ue, l’Italia e, soprattutto la Sicilia e i siciliani, non possono essere lasciati soli a gestire questa drammatica situazione”.

Armando Montalto

Tra la metà dei Novanta e i primi Duemila ha cambiato città, paese e occupazione con la rapidità di un colibrì. Insomma, questo quarantenne messinese, dopo aver fatto consegne a Canal Street, parlato in nome della UE, letto Saramago, tirato sassi sul Canal Saint Martin e bevuto fiumi di birra ha deciso. Tornare a casa, mettere su famiglia e la testa a posto. Oggi si divide tra libri, mare e famiglia. Intanto, prova a scrivere e a raccontare Messina.