Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Serie D. Il Messina ferma l’Igea Virtus, 0-0 al D’Alcontres

Letto 464 volte

Il Messina ferma la rincorsa dell’Igea Virtus al treno promozione, al D’Alcontres la squadra di Modica pareggia per 0-0 offrendo un buon calcio nel primo tempo, tenendo conto anche del campo, non in bellissime condizioni e in netto peggioramento nella ripresa. Nei secondi 45 minuti non succede praticamente niente, se non l’espulsione del portiere del Messina Prisco, che subentrato all’infortunato Meo viene cacciato dall’arbitro senza apparente motivo. Successivamente anche Modica è stato allontanato dal direttore di gara. Pareggio tutto sommato giusto tra le due compagini giallorosse.

Foto Antonio Maimone

Dopo tre settimane di stop il Messina torna in campo nel derby contro l’Igea Virtus. I peloritani non hanno più niente da chiedere a questo campionato, ma l’attenzione non deve mai venire a mancare in queste ultime settimane. Modica deve fare a meno dell’attaccante ghanese Yeboah, costretto a tornare in patria per le critiche condizioni di salute del padre. Alla famiglia dell’ex giocatore del Roccella i nostri migliori auguri. Il tecnico scuola Zeman ritrova alcuni elementi fondamentali nell’undici titolare. Meo torna in porta, difesa a quattro con Lia e Inzoudine sulle fasce, Cassaro e Bruno al centro. In linea mediana torna dal primo minuto Migliorini, con Cozzolino e Lavrendi al suo fianco. Il tridente è formato da Stranges, Rosafio e Ragosa. L’Igea di mister Raffaele cerca la vittoria per restare aggrappata al treno promozione. I giallorossi della zona tirrenica scendono in campo con Ingrassia, Fontana, Ferrante, D’Antonio, Pitarresi, Santamaria, G. Biondo, Biondi, Kacorri, Kosovan, Merkaj.

Foto Antonio Maimone

Match condizionato dalle avverse condizioni atmosferiche, piove e fa freddo al D’Alcontres, mentre il campo non è certamente un tappeto verde degno dei migliori tavoli da biliardo. La prima occasione del match è dell’Igea, calcio d’angolo al 7′, Kacorri di testa spedisce la palla fuori di poco. Si fa vedere anche il Messina cinque minuti più tardi con Cozzolino, ma il suo tiro è parato in due tempi da Ingrassia. Al 16′ ancora peloritani con Rosafio, che in acrobazia da ottima posizione non riesce a inquadrare la porta, palla a lato alla destra dell’estremo difensore barcellonese. Al 37′ Ingrassia stende Stranges al limite dell’area di rigore, per l’arbitro è solo giallo, ma poteva starci qualcosa di più sotto l’aspetto disciplinare. Ragosta batte la punizione, scavalca la barriera e colpisce il palo dopo la provvidenziale deviazione del portiere giallorosso, sulla ribattuta Cozzolino spedisce il pallone fuori in precario equilibrio. L’ultima occasione del primo tempo è dell’Igea con Pitarresi, che al 42′ calcia verso la porta, ma Meo è bravo a mandare il pallone in angolo. Terminano così i primi 45 minuti di gioco.

Foto Antonio Maimone

La ripresa è di gran lunga più brutta, la pioggia scende copiosa, il campo peggiora e le occasioni latitano. Non succede niente di interessante se non un tiro velleitario di Kosovan al 71′ facilmente parato da Prisco, che nel frattempo ha preso il posto di Meo, infortunatosi autonomamente a inizio ripresa, forse per un problema inguinale. All’81’ l’ex Santino Biondo, appena entrato in campo ci prova, il suo sinistro però finisce fuori. Due minuti più tardi Prisco viene espulso direttamente per perdita di tempo, rosso quantomeno discutibile, e il Messina è costretto a mandare in porta il difensore Bruno. Il direttore di gara, non contento, allontana successivamente anche il tecnico dei peloritani Giacomo Modica. Finisce dunque 0-0 tra Igea e Messina, si torna in campo giovedì, i peloritani ospiteranno al San Filippo l’Ercolanese.

 

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.