Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#S.StefanoCamastra. Si finge amica e deruba anziana, denunciata

Letto 288 volte

carabinieri_santo_stefano_camastra_posta_siciliansCertamente aveva pensato di farla franca, ma è stata smascherata dai Carabinieri di Santo Stefano di Camastra una 27enne rumena, S.A.M.. I fatti si sono sviluppati nel piccolo centro dove molti dei concittadini si conoscono fra loro, da tempo e dove i rapporti  fra le famiglie lasciano importanti spazi all’aiuto vicendevole, anche se non è questo il caso. La vicenda smascherata lascia l’amaro in bocca alla derubata e finisce per evidenziare come si tratti di un tradimento di fiducia nei rapporti. Infatti la 27enne romena, residente nel centro nebroideo, aveva l’abitudine di far visita alla vicina: una donna anziana con la quale passava un po’ di tempo per alleviarne la solitudine e scambiare qualche parola. Ma in realtà la giovane straniera mirava ad appropriarsi della tesseralibretto postale dell’anziana per prelevare denaro allo sportello dell’Ufficio Postale del paese, ovviamente senza che l’anziana ne sapesse nulla. La ricostruzione dei fatti ha permesso di scoprire come la romena avesse elaborato uno stratagemma astuto. La 27enne aveva deciso di rubare la tessera-libretto postale dalla borsa, che sapeva essere riposta nell’armadio della camera da letto, e con essa effettuare un  prelievo.

carabinieri_santo_stefano_camastra_posta_sicilians1Tutto era andato bene, fino a quando l’anziana donna, leggendo l’estratto conto, si è resa conto di quel prelievo indebito e così, dopo aver interpellato parenti e figli, si è recata alla caserma dei carabinieri per denunciare l’accaduto ai Carabinieri. I controlli hanno reso evidente che la carta-libretto era stata usata nei giorni precedenti presso lo sportello dell’ufficio postale di Santo Stefano di Camastra per prelevare 490 euro. Successivi accertamenti hanno permesso di fare luce sugli orari e sull’identità di chi aveva prelevato la somma. La 27enne è stata subito denunciata e adesso dovrà rispondere del reato di furto aggravato in abitazione e di indebito utilizzo di carte di credito ed altri sistemi di pagamento davanti all’Autorità Giudiziaria di Patti.