Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Risotto al Nero d’Avola

Letto 367 volte

La nostra rubrica dedicata alla cucina “Niente che si innamori” indica chiaramente che i piatti proposti sono esclusivamente vegetariani.

Con buona pace di chi non riesce a rinunciare a carne e pesce e con la speranza che ci sia una maggiore consapevolezza rispetto a quanto mettiamo in tavola ogni giorno.

Il piatto di questa settimana è il risotto al Nero d’Avola. Vino siciliano tra i più conosciuti ed apprezzati, senza contare che questo primo si prepara davvero velocemente.

Ingredienti per 4 persone

400 g di riso

1 cipolla bianca

1 bottiglia di Nero d’Avola di ottima qualità

1 bicchiere di latte

25 g di burro o di panna di soia

formaggio grattugiato (per chi non è vegano e comunque è bene consultare la lista dei formaggi che non contengono caglio animale, su internet ce ne sono diverse)

olio

pepe nero

noce moscata

sale

Per il brodo vegetale: 1 carota, 1 patata, 1 cipolla, prezzemolo

Preparazione

La prima cosa da fare è preparare il brodo vegetale, mettendo a bollire una cipolla, una carota, una patata e del prezzemolo. Sarà pronto in una ventina di minuti. Quando è quasi pronto, iniziate a triturare molto finemente la cipolla e fatela cuocere con un po’ di olio. Quando si sarà ammorbidita unite il riso e giratelo per alcuni minuti per farlo tostare.

Di solito nei risotti tradizionali a questo punto si inizia ad aggiungere il brodo un mestolo alla volta. In questo caso invece, dopo averne versato tre mestoli uno alla volta e avere mescolato il riso fino a quando il liquido non sarà stato assorbito, proseguite aggiungendo mezzo litro di vino. Continuate fino a quando il riso non sarà quasi pronto.

Aggiungete il latte (di soia per chi è intollerante o segue il regime vegano), il burro o un paio di cucchiai di panna di soia, il sale ed il pepe nero. Ancora una girata e poi aggiungete il formaggio grattugiato. Spegnete il fuoco e grattugiate un po’ di noce moscata. Se preferite, potete invertire le dosi del vino con quelle del brodo.