Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Presentata “Castrvm”, la campagna di comunicazione del Comune di Castroreale

Letto 484 volte

MESSINA. Raccontare in modo creativo, originale e con un tocco cinematografico uno dei borghi siciliani più belli, mettendo in evidenza con uno stile fresco e accattivante tutte le bellezze del territorio di Castroreale, da quella paesaggistica alla proposta enogastronomica tipica, dai grandi eventi internazionali come il Castroreale Jazz Festival alle grandi manifestazioni religiose, ai musei, alle case vacanza, alle personalità eccellenti, agli eventi sportivi. Castrvm, dal nome latino che indicava la fortezza attorno alla quale si sviluppò il centro abitato di Castroreale, è il nome della campagna della Coco Produzioni (art director Francesco Piccolo e social media manager Noel Spinella) realizzata con l’apporto foto e video di Ylenia Milici e Davide Rappazzo.

Tra gli interventi, quello di Antonino Bilardo che racconta e spiega la storia del comune di Castroreale e la processione del Cristo lungo, di Mariella Sclafani (le opere del Gagini e del Museo Civico), di Paolo Faranda del Planetario Astronomico Digitale, di Manuela Russo (aspetti archeologici), di Linda Caruso ed Enrico Munafò del Piccolo Museo della Moto Alzavalvola. E ancora: Le Cose Buone della Botteguccia di Maria Elisa Rappazzo, Enrico Rampi e i progetti bio di Contrada Crizzina, la casa museo La Casa di Maria, la particolare residenza dei due artisti Pierfrancesco Mucari e Giorgia Di Giovanni, Salvatore Squadrito e Salvatore Torre (banda Settimo Sardo) e tanto altro ancora.

Castroreale è un borgo ricco di storia, racconti e aneddoti che gode di un clima mite e offre ai visitatori un panorama mozzafiato. A pochi passi dal mare, con le sue chiese e i suoi scorci rappresenta il punto di arrivo ideale per chi vuole trascorrere giorni di serenità immerso tra l’arte e la natura. Coco Produzioni, in sinergia con il Comune di Castroreale, si propone attraverso questa campagna di generare interesse nei confronti di questa piccola perla del Mediterraneo e fare rete fra tutte le le realtà esistenti sul territorio al fine di farle conoscere, crescere e incrementarne i flussi turistici nonché artistici e storico-culturali.