Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Porte aperte al Palazzo di giustizia, Vito Mancuso a Messina

Letto 101 volte

Vito Mancuso sarà ospite della libreria Bonanzinga, della Scuola Forense e dell’Ordine degli Avvocati domani alle 11 nell’aula magna della Corte d’Appello di Messina.

L’incontro rientra nell’ambito del progetto comune di diffusione della cultura e di apertura del Palazzo di giustizia ai cittadini.

Mancuso presenterà il suo ultimo libro, “Il principio passione”, edito da Garzanti. Porte aperte a tutti e accredito per la formazione permanente per gli avvocati.

“La passione come prospettiva da cui leggere il mondo -si legge nella nota inviata dalla libreria Bonanzinga. Il problema, esaminato dal famoso teologo-scrittore, è l’amore, il suo posto nel mondo e nella logica che lo regge.

Quando si ama, quando si vive per il bene e per la giustizia, si rafforza il nostro essere natura, oppure lo si indebolisce estinguendone la forza vitale?

Mancuso ritiene che quando amiamo, mettendo la passione al servizio dell’armonia delle relazioni ,raggiungiamo la pienezza dell’esistenza, perché il nostro amore riproduce una più ampia logica cosmica tesa da sempre all’armonia relazionale.

La libraia Daniela Bonanzinga

La tesi va a toccare i fondamenti stessi del vivere e viene illustrata attraverso un confronto con le grandi tradizioni religiose, con le filosofie e con la scienza, entrando nei campi della cosmologia, biologia, fisica, fino a discutere il senso filosofico del bosone di Higgs o particella di Dio.

Ma come si concilia questa visione con l’universale esperienza del male? Nell’affrontare questo tema, Mancuso evoca mostri, signorie cosmiche e le potenze sataniche di cui parla la Bibbia, in una specie di corpo a corpo metafisico con le radici stesse del negativo.

Il risultato è la denuncia dell’infondatezza del dogma del peccato originale, mediante cui la Chiesa ancora oggi interpreta il caos come peccato, finendo, come rileva il teologo, per generare inevitabili e infiniti sensi di colpa.

In realtà, secondo Mancuso, il caos non è peccato, ma l’indeterminatezza necessaria per il nascere della libertà, a sua volta condizione per la maturità dell’amore. Affascinante racconto di una profonda avventura intellettuale, una nuova guida per rinnovare, in modo responsabile, la fiducia nella vita e nell’amore.