Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Penne integrali con piselli e tofu

Letto 124 volte

Penne con piselli e ricotta 1La nostra rubrica “Niente che si innamori” indica chiaramente che i piatti proposti sono esclusivamente vegetariani. 

Con buona pace di chi non riesce a rinunciare a carne e pesce e con la speranza che ci sia una maggiore consapevolezza rispetto a quanto mettiamo in tavola ogni giorno.

E’ bello sedersi a tavola senza doversi preoccupare di che cosa è morto il nostro cibo.  J.H. Kellogg

Come sempre un piatto facile, veloce e che si presenta bene. La ricetta di questa settimana è penne integrali con piselli e tofu. Per quanto riguarda il tufu, il formaggio di latte di soia, visto che quello in commercio non mi piace, da diversi anni lo preparo io.

Però ci vogliono almeno un paio d’ore per ottenere una forma tra i 500 e i 600 grammi. Se non avete né tempo né voglia di prepararlo, utilizzate quello acquistato sapendo che il risultato non sarà lo stesso. L’importante, per quanto riguarda la pasta integrale, è che lo sia davvero e un il risultato di un misto di farina bianca e integrale.

Penne con piselli e ricotta 2Ingredienti per 4 persone

360 grammi di penne integrali

500 grammi di piselli

250 grammi di tofu

una cipolla

olio

mandorle tritate

aceto balsamico

peperoncino

Preparazione

Sminuzzate la cipolla e poi fatela cuocere a fuoco lentissimo. Poi aggiungete i piselli, un bicchiere di acqua e chiudete con il coperchio, così che si cuociano con il vapore. Nel frattempo, sminuzzate il tofu e fatelo saltare in padella con qualche goccia di aceto balsamico e del peperoncino. Cuocete la pasta e scolatela al dente. Conditela con i piselli e il tofu. Cospargetela con le mandorle tritate e infornatela per 15 minuti a 180°.

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.