Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Palermo. A piazza San Domenico il festival du Manciari ri strata

Letto 873 volte

palermo-600202_640Sabato e domenica, dalle 10 a mezzanotte, piazza San Domenico diventa il paradiso del Manciari ri strata. Pane ca meusa, sfincione e arancine. Ma anche iris, cannoli e crocchè. Insomma, allacciate le cinture, perché dopo, forse, non lo potrete fare più.

La prima edizione del Panormvs Street Food Festival, il festival del cibo da strada siciliano organizzato dal Comune di Palermo e patrocinato da Expo Milano 2015, che si svolgerà il 18 e 19 aprile, ha come principale attrazione il  Villaggio Gastronomico con 19 tra gli street fooder palermitani più conosciuti.

Ci saranno l’Antica Panelleria da Nino con le arancine, il Bar Lucchese che presenta cannoli e sfincie, Ciccio Porchetta, il Dainotti’s che propone stigghiole, mangia e bevi, sasizza. E poi Ferro di cavallo e le sue polpette, la Friggitoria da Arianna con pane e panelle, crocchè e rascatur.
I Ganci alla Cala con rosticceria, La Corte dei Normanni con il polpo bollito e i frutti di mare, Il chioschetto della Cattedrale con le bibite tipicheLa sfincioneria, Le pizzette piccanti di Benny, L’Angolo della Frutta con patate e carciofi bolliti, La Cubana che presenta ciambella fritta, iris, cartoccio e panelle dolci e  il  gelato di Nino De Pasquale e Antonio Losito.
Ci saranno anche Nino Santamaria con torrone, zucchero filato e mele candite, Nino u Ballerino e il suo pane ca meusa, Nò figghiu rù zù Gino con caldume, musso e carcagnolo.
La Panineria Zio Aldo con i cardi e broccoletti in pastella, la Trattoria Zia Pina propone fritturiedda e calamaricchi, mentre Viviana Merlino e calia, simenza e frutta secca

“Questa splendida iniziativa – ha detto il sindaco Leoluca Orlando – è un modo per scoprire quanto la nostra città sia apprezzata nel mondo, anche dal punto di vista del cibo di strada. Non è un caso, infatti, che secondo una classifica internazionale della prestigiosa rivista Forbes, Palermo sia al quinto posto nel mondo per la qualità del cibo di strada e la prima città in Europa. Questo è l’anno zero per questa iniziativa che diventerà un appuntamento fisso”- ha concluso il sindaco Orlando.
Panormvus Street Food FestivalGiovanna Marano, assessore alle Attività Produttive,  spiega che il Panormvs Street Food Festival si svolgerà  prima dell’apertura dell’Expo “dove porteremo le nostre tradizioni culinarie di strada. I quattro mila ticket gratuiti sono già andati a ruba, e faremo in modo che il festival diventi un evento stabile nel tempo, in modo da assicurare alla città di Palermo un richiamo turistico importante” – ha concluso Marano.

Gli organizzatori, dato il grande riscontro in termini di pubblico, hanno deciso di aggiungere ulteriori 50 assaggi gratuiti, scaricabili direttamente dal sito, ogni giorno fino al 17 aprile. Durante l’evento si potranno comunque acquistare tutte le specialità degli street fooder palermitani.

“Abbiamo sponsorizzato questa iniziativa installando un bellissimo cartellone pubblicitario nell’area Arrivi dell’Aeroporto Falcone Borsellino – ha dichiarato il presidente di Gesap Fabio Giambrone.  Al festival, inoltre, parteciperà anche una delegazione di giornalisti tedeschi”.

All’interno del festival, spazio anche per Expo Village, dove apprezzare i prodotti enogastronomici e i manufatti dei più abili artigiani della Sicilia. Ma a caratterizzare la due giorni dedicata allo street food palermitano, sarà la gara  per nominare il miglior Street Fooder della Sicilia. La proclamazione dei vincitori sarà effettuata domenica 19 aprile alle 17.

Armando Montalto

Tra la metà dei Novanta e i primi Duemila ha cambiato città, paese e occupazione con la rapidità di un colibrì. Insomma, questo quarantenne messinese, dopo aver fatto consegne a Canal Street, parlato in nome della UE, letto Saramago, tirato sassi sul Canal Saint Martin e bevuto fiumi di birra ha deciso. Tornare a casa, mettere su famiglia e la testa a posto. Oggi si divide tra libri, mare e famiglia. Intanto, prova a scrivere e a raccontare Messina.