Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Musica. AMR Messina, serata all’insegna del grande tango con il Cuarteto Suerte Loca

Letto 570 volte

MESSINA. “La nostra musica è pensata per la danza secondo l’ispirazione che guidò i primi compositori e le grandi orchestre di Buenos Aires degli anni Trenta e Quaranta”. Un ballo, un genere musicale. Ma non solo questo. Il tango è anche metafora della stessa vita. Si preannuncia come un evento straordinario e imperdibile il concerto del Quarteto Suerte Loca in programma domenica 21 gennaio, alle 19 al Palacultura Antonello da Messina. Lo spettacolo è promosso dall’associazione musicale Vincenzo Bellini, in collaborazione con l’associazione Puerto de Buenos Aires nell’ambito della stagione concertistica 2017 – 2018 curata dalla stessa Bellini e dall’Accademia Filarmonica.

Nel corso della serata la formazione costituita da Gabriella Artale (pianoforte), Javier Salnisky (bandoneòn), Fabio Acone (violino) e Andrea Colella (contrabbasso) condurrà il pubblico in un suggestivo viaggio nel mondo del tango. Il programma prevede l’esecuzione di brani di Villoldo, Arolas, Cobiàn, Charlo, Maffia, Aieta, Laurenz, Bardi, Ariel, Ramirez, Cuccaro, Stamponi, Arolas, Baliotti, Troilo, Piana, Canaro, Maciel, Plaza, Troilo e Rodriguez. Non potranno ovviamente mancare le note di Astor Piazzolla (Oblivion e Libertango).

Ad arricchire di fascino la performance del Quarteto Suerte Loca, l’esibizione dei ballerini Sofia Victoria Mira, Mariano Navone, Sara Paoli e Fabio Santarelli. Dopo il concerto, lo spettacolo proseguirà con la milonga curata dall’associazione Puerto de Buenos Aires nel foyer del PalaCultura. Tdj Paolo Miraglia.

Il Cuarteto Suerte Loca nasce dall’idea di combinare esperienze artistiche diverse, concentrate sullo studio e sull’improvvisazione del tango. Si è esibito in teatri, milonghe e festival italiani ed internazionali, tra i quali a Roma il Teatro Ghione, il Teatro di Villa Torlonia,  l’Aula Magna dell’Università La Sapienza, il Circolo Ufficiali delle Forze Armate, il Lions Club, la Sala Baldini, la Galleria Alberto Sordi nell’ambito della Notte dei Musei, il CASC della Banca d’Italia, la Casa del Jazz, il Giardino del Tango, riscuotendo sempre l’entusiasmo del pubblico avvolto nel suono caldo del bandoneon, unito al pianoforte, violino e contrabbasso. È stato invitato dall’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi a tenere un concerto presso il Theatre Municipal della città e recentemente ha partecipato al 4° Internationales Hamburger Winter-Tango-Festival.

Ha partecipato alla trasmissione Brasil di Radio Rai 1 con messa in onda di alcuni brani dal vivo e alla trasmissione argentina La perlas del tango di Radio Popular. Il gruppo propone una interpretazione originale dei classici del genere con arrangiamenti che richiamano lo spirito e lo stile del tango a la parrilla, con improvvisazioni su temi noti.

Gabriella Artale compie gli studi musicali al conservatorio A. Casella de L’Aquila e prosegue la sua formazione artistica con Sergio Perticaroli al Mozarteum di Salisburgo e poi a Roma con Carlo Grante. Intraprende l’attività concertistica giovanissima vincendo la terza edizione della rassegna Incontri con il Conservatorio organizzata dalla società Aquilana dei Concerti B. Barattelli. Si è esibita in numerose istituzioni musicali in Italia e all’estero quali B. Barattelli, Agorà 80, Orchestra Sinfonica e da Camera di Roma, A.GI.MUS., L’Altra Roma, F&F Musica, Il Cantiere dell’Arte, A. Longo, Noi e l’Europa, Oxfam. A Roma ha suonato presso l’Area Archeologica del Teatro Marcello, l’Accademia d’Egitto, L’Istituto di Cultura Polacco, l’American University, Villa Wolkonsky, Palazzo Doria Pamphili, Palazzo Barberini. È stata invitata in California in occasione del Centenario della fondazione dell’Ordine dei Salesiani negli Stati Uniti dove ha partecipato al Festival Splendid Italian Fall di S. Francisco. Al Teatro dell’Opera di Roma ha ricevuto il premio medaglia d’oro Foyer des artistes. Ha al suo attivo importanti collaborazioni prendendo parte anche a performances di musica per pianoforte unita a danza, teatro e poesia. Nel 2006 si trasferisce in Argentina, a Buenos Aires, dove approfondisce lo studio della musica popolare e frequenta l’Academia National del Tango. Tornata in Italia inizia la collaborazione con il bandoneonista Javier Salnisky che porterà alla formazione di un Trio e un Quartetto di Tango tradizionale. Si esibisce regolarmente in milonghe e teatri e sale da concerto. È consigliera della Associazione Culturale Maison des Artistes.

Javier Salnisky nasce a Buenos Aires e comincia i suoi studi musicali presso il Conservatorio Nazionale di Musica Julian Aguirre. Prosegue la formazione alla Scuola Municipale di Musica Popolare di Avellaneda, frequentando il corso di bandoneòn con il Maestro Rodolfo Dalvisio e si perfeziona con il Maestro Nestor Marconi presso il SADAIC, Buenos Aires. Suona regolarmente in diverse formazioni a Buenos Aires tra le quali il Sexteto Arrabal e il Cuarteto El Viaje partecipando a programmi radiofonici e televisivi. Nel 2001 viaggia in Italia dove suona in duo con il chitarrista Juan Ruggeri e come bandoneonista invitato dal Trio Corrientes de Tango. Suona in diverse milonghe, teatri, locali in Italia, Francia e Germania. Bandoneonista del Quartetto di Tango dell’Opera di Teatro “Il Tango delle Ore Piccole”, sotto la direzione musicale di Fabrizio Pieroni con la regia di Giovanni de Feudis e la partecipazione di Tosca e Massimo Venturiello, in tournée in Italia. Ha al suo attivo importanti collaborazioni con i chitarristi Federico Ferrandina e Roberto Pugliese, il pianista Fabrizio Pieroni, la cantante Ana Karina Rossi. Nel 2011 Inizia la collaborazione con la pianista Gabriella Artale creando un Quartetto di Tango di musica tradizionale.

Fabio Acone, violinista, si diploma al Conservatorio S. Cecilia di Roma con il maestro Umberto Spiga. Giovanissimo intraprende l’attività concertistica e orchestrale suonando nei teatri di Santander, Mozarteum di Salisburgo, Oxford, Cambridge, Londra, Toulouse, Tunisi, Dubai, Monaco di Baviera, con alcune delle Orchestre più prestigiose d’Italia e d’Europa quali: Orchestra Sinfonica della Rai di Torino, Orchestra  Haydn di Trento e Bolzano, Orchestra del Conservatorio Verdi di Milano, Orchestra Scarlatti di Napoli, Orchestra di Chamonix, Orchestra Sinfonica di Roma, Orchestra da Camera del Gonfalone di Roma, Orchestra del Tiroler Festspiele diretta dal Maestro Gustav Kuhn. Ha svolto una intensa attività nell’ambito della musica leggera nelle orchestre dirette da Pippo Caruso, Bruno Canfora, Gianni Ferrio, Renato Serio, Roberto Pregadio. Giovanissimo entra a far parte della Orchestra della RAI Leggera partecipando a varie edizioni del Festival di Sanremo ed altre trasmissioni RAI. Inoltre ha partecipato ad altri spettacoli televisivi come La Corrida e Natale in Vaticano.Tra le varie collaborazioni nella musica leggera si è esibito in tournée con Ivana Spagna, Amedeo Minghi, Michele Zarrillo, Renato Zero, Max Gazzè. Ha partecipato a spettacoli teatrali come violinista solista e continua a svolgere attività concertistica nell’ambito della musica da camera in formazioni che vanno dal duo con il pianoforte al quartetto d’archi.

Andrea Colella si diploma in contrabbasso al conservatorio L. Refice di Frosinone. Frequenta masterclass di artisti come Paolo Fresu, Alain Caron, Matthew Garrison. Nel 2009 partecipa ad un corso di perfezionamento con il contrabbassista Larry Grenadier del Brad Mehldau Trio. Dal 1999 suona con l’artista africano Pape Kanoutè con il quale si esibisce in numerosi festival di musica etnica in tutto il territorio nazionale. In questo gruppo ha collaborato con Baba Sissoko, Pape Yeri Samb dell’Orchestra di Piazza Vittorio, Harold Bradley. Accompagna la cantante del Mali Oumou Sangare nei suoi concerti italiani. Dal 2002 accompagna il cantautore romano Mauro Fiocca con il quale registra il disco “Passeggeri nel pallone”. Nel 2006 collabora con la cantante e violinista HER in diversi spettacoli, come la partecipazione al festival GENERAZIONE X tenutosi all’Auditorium Parco della Musica di Roma con ospite il gruppo Tetes de Bois. Partecipa a vari musical composti da Enrica Sciandrone, Furio Valitutti, Clara Lombardi e supervisionati dai M° Antonio Di Pofi e Antonio D’antò. Suona nello spettacolo teatrale “Avevo un Frack” di Sergio Siciliano nel 2003 e nel 2005 suona nello spettacolo teatrale “Prossime Aperture” di Andrea Rivera con Paolo Jannacci. Partecipa a “Omaggio musicale a Jean Vigo”, musiche di Andrea Farri, proposto nella rassegna cinematografica Batik film festival al teatro Morlacchi di Perugia e presso il teatro Palladium di Roma nella rassegna Dams film festival presentata da Enrico Ghezzi. Nel 2007 partecipa allo spettacolo teatrale “Billie Blu(es)” di Igor Mattei e Manuela Ruggiero. Dal 2010 partecipa al tour dello spettacolo teatrale “Saint Germain des pres” con la compagnia teatrale France Theatre. Si esibisce con la World Youth Orchestra diretta dal maestro Damiano Giuranna all’Auditorium Parco della Musica di Roma, con l’Orchestra giovanile di Roma Tre diretta dal M. Pietro Mianiti, con l’Orchestra di Lanciano, con l’ensemble da camera Tonarius e con il premio Paganini Vadim Brodski. Nel 2005 vince il concorso “La trota” di Schubert per giovani pianisti e contrabbassisti indetto dal conservatorio di Frosinone. Nell’ottobre 2010 è selezionato per il concorso internazionale di contrabbasso jazz “Bass 2010” tenutosi a Berlino.