Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Meteo. In arrivo una nevicata memorabile

Letto 1441 volte

S.P. 50 bis Dinnammare con neveQuella in arrivo, ormai confermata dai centri di calcolo mondiali, appare essere una delle più intense ondate di gelo accoppiate a una nevicata degna delle migliori raffiche di Buran che si possano avere nel nostro Paese. A livello di isoterme non siamo a livelli straordinari stile 1929 per intenderci, quando abbordarono isoterme sotto la -20° nel nostro Paese, ma in alcune zone tipo sicule una -10 a 850 hpa che stazionerebbe per circa 48 ore di fila è un evento quasi unico. Ma non sarà solo questo il fascino di questa ondata di gelo, perché a livello di analisi elaborate, questa appare di tipo esplosivo per quel che concerne durata e intensità dei fenomeni associati.

Infatti, se dessimo affidamento alle ultime elaborazioni fisico-matematiche, il peggioramento di neve sarebbe di tipo semi-stazionario, lento a esaurirsi e tra comparto balcanino e adriatico/sud si instaurerebbe un cut-off gelido della durata di almeno 4 giorni.

Tra 5 e 10 gennaio le carte propendono per una fase di gelo (tra 6 e 8) e poi di freddo intenso (tra 9 e 10) al Sud e nell’Adriatico. Possiamo già immaginare ed essere sicuri che molti centri abitati subiranno dei gravi danni all’agricoltura, su piante agrumeti in primis, mentre intere frazioni tra collina e montagna rischiano di essere letteralmente sepolte.

Il febbraio 2012 insegna che alcuni eventi con tempo di ritorno decennali hanno causato molti problemi e questo non sarà da meno. Anzi, visto e costatando che l’ondata artico-russo-siberiana potrebbe persistere almeno 4 giorni, c’è il rischio concreto di collasso per molte zone del Sud, tra versante Adriatico e appennino centro-meridionale e siculo.

Autore: Giovanni Micalizzi.
Fonte: Stretto Meteo.