Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Messina, web e sicurezza: a Palazzo Zanca il convegno “Interconnettiamoci … ma con la testa!”

Letto 381 volte

MESSINA. “Interconnettiamoci … ma con la testa!” è il tema del convegno organizzato dal Lions Club Messina Ionio, che si terrà sabato 19 ottobre alle 9 nel Salone delle Bandiere di Palazzo Zanca. Nel corso dell’evento si parlerà della sicurezza dei ragazzi e degli adulti sulla rete. Per sapere cosa fare, ma soprattutto cosa non fare durante la navigazione su internet. Si parlerà dell’evoluzione tecnologica degli ultimi 20 anni e delle relative conseguenze, si metteranno a confronto opportunità e possibili rischi dell’utilizzo della rete, si tratterà delle contromisure comportamentali: differenze tra il comportamento nella vita reale e in quella virtuale. Si discuterà di cyberbullismo, cyberpedofilia, phishing, truffe e pirateria informatica e si forniranno suggerimenti
sulle contromisure tecniche e delle problematiche riguardanti i social network, a partire dalla cessione volontaria di informazioni personali e dalla privacy.

Ad aprire i lavori il sindaco di Messina Cateno De Luca. A seguire, l’assessore ai Servizi sociali Alessandra Calafiore, Giacomo Caudo (presidente dell’Ordine dei Medici), i saluti delle associazioni patrocinanti (AMMI, Fidapa Peloro, ARCHEO Club Messina, università della III Età) e gli interventi di Maria Francesca Scilio (presidente Lions Club Messina Ionio), Giuseppe Iacono (delegato distrettuale Service), Marisa Passaniti (referente III Circoscrizione Messina Ionica).  A moderare il lavori Giuseppe Ruggeri (Medico ASP 5).  Relatori: Francesco Pira (Dipartimento Civiltà Antiche e Moderne Università di Messina), Giuseppe Crisafulli (psicologo Tribunale dei Minori di Messina), Santina Patanè (direttore U.C. Neuropsichiatria infantile ASP 5), Mario Crisafulli (ispettore capo Polizia di Stato di Messina), Giuseppe Pedullà (direttore Liceo Scientifico Empedocle), Vincenzo Carlino (geriatra ASP 6 Palermo), Basilio Maniaci (università della III età di Messina) e Lorenzo Giuffrida, ex medico del lavoro ASP 5).