Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. Stalla abusiva a Contesse: inascoltate le denunce dei residenti

Letto 442 volte

Stalla abusiva Contesse 27-6-2015 cUna stalla abusiva a Contesse, ma le proteste e le denunce dei residenti restano lettera morta. Una situazione di degrado ambientale che è sotto gli occhi di tutti, anche perché un cavallo che entra ed esce non può certo passare inosservato.

La stalla abusiva è in via 14/A, vicino all’Ufficio Postale, alle spalle del McDonald. 

Non proprio quindi una via isolata, quindi. Eppure nessuno interviene. Per anni gli abitanti del luogo si sono rivolti alle forze dell’ordine, ma nulla cambia.

“C’è solo un rimpallo di responsabilità -ci raccontano. Abbiamo chiamato tutti: carabinieri, polizia, vigili urbani, ma niente. Le nostre denunce di anni hanno prodotto solo una visita dei veterinari dell’ASP nel 2014. Ma alcuni mesi fa è tornato tutto come prima e adesso nella stalla c’è di nuovo una povera bestia”.

Le immagini che vi proponiamo parlano da sole. Il cavallo rinchiuso in una stalla abusiva non ha voce, spetta a noi umani dargliela e i cittadini di Contesse ci provano ancora una volta. Adesso, si aspettano un segnale chiaro e concreto da parte delle forze dell’ordine.

#Messina. Stalla abusiva a Contesse: inascoltate le denunce dei residenti
#Messina. Stalla abusiva a Contesse: inascoltate le denunce dei residenti
#Messina. Stalla abusiva a Contesse: inascoltate le denunce dei residenti
#Messina. Stalla abusiva a Contesse: inascoltate le denunce dei residenti

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.