Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. PDR, opposizione e volontari insieme per le spiagge di Barcellona

Letto 965 volte

Pulizia spiaggia Barcellona 8-8-2015 aTutti insieme per pulire le spiagge di Barcellona Pozzo di Gotto. Spiaggia bene comune è il nome dell’evento organizzato stamane dal Gruppo Consiliare PDR.

Accanto ai consiglieri Pietro Maio, Cesare Molino, Gaetano Pino e Lucia Tindara Puliafito anche colleghi d’Aula dell’opposizione.

Sin dalle 7.30 i rifiuti accumulati nelle zone di Calderà, Cicerata e Spinesante sono stati raccolti non solo dagli esponenti politici ma anche dai cittadini che hanno deciso di dare una mano, con il supporto della Dusty, che ha messo a disposizione le attrezzature e i contenitori necessari.

Pulizia spiaggia Barcellona 8-8-2015 d“L’iniziativa -chiariscono i DR- non era finalizzata solo alla raccolta dei rifiuti rimasti dopo la pulizia straordinaria effettuata dall’Amministrazione Materia negli ultimi giorni, ma anche alla sensibilizzazione della cittadinanza. Sempre più di frequente si registrano denunce di episodi di scarso senso civico causate da chi abbandona i rifiuti in spiaggia”.

La pulizia è andata avanti per diverse ore. Le braci ancora calde di un falò di ieri sera hanno determinato un principio d’incendio in uno dei cassoni di raccolta, che è stato spento dai Vigili del Fuoco di Milazzo.

All’evento ha aderito anche il Movimento Città Aperta, che in passato ha organizzato iniziative simili in diverse zone della città.

#Messina. PDR, opposizione e volontari insieme per le spiagge di Barcellona
#Messina. PDR, opposizione e volontari insieme per le spiagge di Barcellona
#Messina. PDR, opposizione e volontari insieme per le spiagge di Barcellona
#Messina. PDR, opposizione e volontari insieme per le spiagge di Barcellona

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.