Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Messina, l’anno che verrà…

Letto 362 volte

Con la sconfitta di Mugnano il Messina chiude il girone d’andata con 26 punti in classifica, ottavo posto e la zona play off a pochi passi. E’ stata fino in questo momento la stagione migliore della gestione Sciotto (non che fosse facile fare peggio degli ultimi due anni, e menomale). Non vogliamo soffermarci troppo su quanto accaduto ieri contro il Giugliano, ci limitiamo solo a dire che i peloritani sono riusciti a fornire una buona prestazione in un campo molto complicato, per tanti motivi, condizionato dal contorno (ma in Serie D purtroppo è normalissimo) e da un arbitro forse non propriamente eccelso in certe scelte.

Sciotto e collaboratori (Foto Antonio Maimone)

Due parole però bisogna spenderle: la reazione dei ragazzi di Zeman dopo lo svantaggio non è mancata, e l’espulsione probabilmente ingiusta di Bruno a fine primo tempo sembrava complicare le cose ai biancoscudati, che dopo il 2-0 di Orefice sono riusciti a riprendere la retta via con la rete di Crucitti e il rigore conquistato da Rossetti, con lo stesso numero 9 però ipnotizzato dall’ottimo Mola nella trasformazione dal dischetto. Si sono viste cose positive nel ventoso pomeriggio di Mugnano: capacità di reazione nonostante le condizioni meteo avverse e l’accoglienza non propriamente facile delle zone campane, un buon giro palla e diverse azioni pericolose smorzate da un ultimo passaggio che fatica ad arrivare (ma anche qui si può giudicare poco perché il vento condiziona sia quando si trova a favore che contro). Semplicemente il Giugliano è stato più abile a sfruttare le occasioni avute, il Messina no.

Foto Antonio Maimone

“L’anno vecchio è finito ormai, ma qualcosa ancora qui non va”


Cantava Lucio Dalla in L’anno che verrà: questo Messina con Zeman in panchina ha invertito la rotta, è innegabile, ma ci sono dei tasselli importanti ancora da piazzare, perché è impensabile poter concludere con questa rosa il campionato. Il mercato di Serie D è finito, a gennaio aprirà quello dei professionisti, e prima del match casalingo con il Troina di giorno 5, sfida inaugurale del girone di ritorno il tecnico dovrà necessariamente avere a disposizione quel centrale difensivo tanto richiesto in queste settimane, perché l’assenza di Bruno dovrà essere coperta degnamente da qualcuno già pronto, fatto e finito, non ce ne vogliano i giovani, per loro ci sarà tempo in futuro. Al Messina adesso serve concretezza, nella costruzione della rosa innanzitutto e nelle giocate in campo. Due settimane, con l’anno nuovo all’orizzonte per confermare una volta per tutte il salto di qualità che questa società si è prefissata ormai da anni. Il momento è maturo, non si può attendere un giorno in più, una giornata in più, una partita in più.

Il campionato ci sta dicendo che nessuno è imbattibile, che la corazzata Palermo, tanto conclamata a inizio stagione, sta realmente capendo cosa voglia dire stare in Serie D, lo dimostrano le caterve di punti persi nelle ultime settimane e le stentate vittorie contro Messina e Castrovillari. I peloritani, con quei punti che mancano per svariati motivi, potevano ancora essere in lotta persino per i primissimi posti, ma con i “se” e i “ma” non si va da nessuna parte. L’obiettivo play off è ampiamente alla portata, lo diciamo da settimane, da quando Zeman si è seduto su questa panchina (e speriamo ci resti, che non si faccia condizionare da qualche soggetto sparso in giro tra i campi dilettantistici e che non sa cosa voglia dire la parola sport). E’ un progetto che coinvolge tutti, adesso è il momento di dire con estrema fermezza quanto siamo stufi di vivere in questo campionato così poco appetibile e obiettivamente bruttissimo da vedere e affrontare, ma la realtà è questa: sta a noi, tutti, cercare di cambiarla, bisogna solo essere in grado di farlo nel modo giusto…

Buon Natale e felice 2020 a tutti.

L’esultanza di Rossetti dopo il gol alla Palmese (foto ACR Messina – Isolino)

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.