Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. Il Comune pronto a pagare migliaia di creditori

Letto 56 volte

SoldiCinquantamila euro subito o l’intero debito in rate annuali entro il 2023. Avviate dall’Amministrazione di Palazzo Zanca le proposte di transazione con gli oltre 13.500 creditori del Comune di Messina.

Previsto infatti il pagamento di quanto dovuto ai fornitori di beni e servizi fino a 50 mila euro entro 120 giorni dall’approvazione del Piano di Riequilibrio da parte della Corte dei Conti.

Non dimenticando che per questo passaggio fondamentale saranno comunque necessari parecchi mesi.

Per quanto riguarda invece gli 80 creditori che hanno presentato conti superiori ai 50 mila euro, le strade sono due: o il saldo di parte del debito dopo una transazione che lo ridurrà entro il 2016 o la dilazione dell’intero importo in 8 rate annuali fino al 2023.

“L’adesione degli stessi alle proposte transattive permetterà di disporre di quella liquidità consentita dall’accesso al Fondo di Rotazione, indispensabile all’Ente per onorare i propri debiti- spiegano da Palazzo Zanca. Una rilevante parte del debito cumulatosi in questi decenni e che mette a rischio la solidità del Comune deriva anche da transazioni sottoscritte dall’Ente ma non onorate per mancata materializzazione delle risorse di finanziamento.

L’Amministrazione ha quindi costruito un percorso che desse certezza delle risorse e a seguito di ciò e della valutazione concordata con il ministero rispetto alle risorse disponibili, il Comune può offrire ai creditori proposte transattive solide, credibili e sostenute da una disponibilità finanziaria e monetaria garantita”.

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.