Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Messina. Fuori i TIR dalla città: al via sabato petizione popolare

Letto 281 volte

Manifestazione anti TIR 7-4-2016 dAl via il prossimo 30 aprile la petizione popolare contro il transito dei TIR in città. Appuntamento sabato 30 aprile alle 10 in viale Boccetta, di fronte all’ingresso del PalaCultura.
L’iniziativa fa seguito alla campagna avviata lo scorso 9 aprile dal comitato La Nostra Città e dai promotori del sit-in Basta con le favole, che ha riacceso i riflettori sulla problematica mai risolta della sicurezza nelle strade cittadine ancora soggette alla schiavitù del traffico gommato pesante .
“Nessun atto concreto da parte di Amministrazione, enti e istituzioni ha fatto seguito alle proteste e alle denunce che in quel sit-in sono state sollevate da cittadini e associazioni né alle note formali del comandante del Corpo di Polizia Municipale -spiegano gli organizzatori.
In compenso si continuano a raccontare favole e a pensare come spendere altri soldi pubblici su progetti fantasiosi come la costruzione del terzo scivolo a Tremestieri, l’approdo della sabbia. Una modifica all’opera, che dovrebbe costare un milione di euro, un terzo scivolo proposto dall’Autorità Portuale come soluzione ai TIR in città nei periodi in cui non dovessero essere pienamente agibili gli altri due o in quelli di forte traffico gommato.
Un progetto la cui utilità ci sfugge visto che i due scivoli già esistenti, quando sono agibili come è miracolosamente avvenuto solo nei mesi da aprile 2015 a febbraio 2016, potrebbero essere sufficienti se non fossero utilizzati solo al 60% delle loro potenzialità e nessuno è stato capace o ha voluto imporre agli armatori l’espletamento delle 70 corse che sarebbero una prima seria risposta al problema, lasciando invece i TIR a scorrazzare per le vie della città.
La proposta dell’Autorità Portuale di costruzione del terzo scivolo, persino più fragile e soggetto degli attuali ai noti problemi di insabbiamento, appare quindi come un inutile e ulteriore spreco di risorse, quando ancora non sono interamente disponibili quelle necessarie al completamento del porto a sud.
Vorremmo quindi sapere quale sia in merito la posizione del sindaco di Messina, che speriamo sia di netta contrarietà alla realizzazione e che tale dissenso sia espresso anche nella qualità di componente il Comitato Portuale, organo designato all’approvazione del progetto.
Attraverso la petizione popolare si vuole restituire la parola ai cittadini su una questione come quella del transito dei TIR e del traghettamento che si trascina da decenni. La mobilitazione e la raccolta delle firme si proporranno con continuità per la durata necessaria al raggiungimento dell’obiettivo. Per questo vogliamo coinvolgere l’intera città e le sue forze vive”.