Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Merì, nonostante il divieto di avvicinamento continuava a tormentare la ex: arrestato 46enne

Letto 1629 volte

MESSINA. I Carabinieri di Merì hanno eseguito una misura cautelare degli arresti domiciliari per atti persecutori nei confronti di un 46enne, ritenuto responsabile di atti persecutori e lesioni personali. Il provvedimento restrittivo è stato emesso dalla Corte di Appello di Messina, su richiesta della Procura Generale della Repubblica peloritana che aggrava e sostituisce la misura cautelare già in atto del divieto di avvicinamento alla ex convivente, ai prossimi congiunti e ai luoghi abitualmente frequentati.

La misura più afflittiva scaturisce da specifica richiesta avanzata dall’Arma di Merì, che ha documentato diversi e reiterati episodi in cui l’uomo avrebbe violato le prescrizioni imposte dal giudice, in quanto avrebbe continuato a seguire la donna nei suoi spostamenti oltre ad inviarle messaggi WhatsApp.

L’indagine, svolta in maniera minuziosa dalla Stazione Carabinieri di Merì, avrebbe permesso di ricostruire precise responsabilità a carico dell’uomo, che si era reso responsabile di condotte persecutorie all’indirizzo della ex convivente, culminate, poi, in un episodio di violenza fisica. Al termine delle formalità di rito, l’uomo è stato accompagnato nella propria abitazione in regime degli arresti domiciliari.

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.