Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#LegaPro. Pozzebon e Milinkovic fanno impazzire il San Filippo: 3-1 per il Messina

Letto 557 volte

Vittoria sofferta ma meritata quella del Messina, che al San Filippo batte 3-1 il Siracusa grazie alla doppietta di Demiro Pozzebon e alla rete di Milinkovic, intervallate dal momentaneo pareggio di Valente e dal rigore fallito dallo stesso Pozzebon. Esordio dunque vittorioso per i peloritani, mentre il Siracusa deve risolvere ancora qualche problema. Il Messina fa il suo esordio in campionato schierando il 4-3-3. I primi undici di Sasà Marra sono: Russo in porta, difesa con Mileto e Ionut esterni, Palumbo e De Vito centrali. A centrocampo troviamo Musacci, Foresta e Baldassin, tridente offensivo composto da Pozzebon, Madonia e Milinkovic. Nel Siracusa da notare la presenza di Davide Baiocco, esperto centrocampista classe 1975, e di Pippo Scardina, ex di turno. Prima del fischio iniziale viene osservato un minuto di silenzio in memoria delle vittime del terremoto che in settimana ha colpito il centro Italia, mentre al botteghino molti tifosi non sono riusciti ad arrivare in tempo per alcuni problemi di stampa dei biglietti.

Foto Elena Andronico
Foto Elena Andronico

Il primo tiro in porta della partita arriva all’11’: Baldassin da fuori area tenta la conclusione col destro rasoterra, ma è facile la parata del portiere siracusano Santurro. Al 19′ gol annullato al Messina: Baldassin, servito da Foresta, tira dal limite dell’area, segna ma l’arbitro Paolini fischia per fuorigioco di Pozzebon, piazzato davanti al portiere. Alla mezz’ora il Messina passa in vantaggio: Milinkovic serve in area Foresta dopo una grande azione, Santurro lo falcia ed è calcio di rigore e ammonizione per il portiere siracusano. Dal dischetto si presenta Pozzebon, che di destro segna per l’1-0 peloritano.

Al 35′ ci riprova il Messina: punizione di Musacci dalla destra, la difesa va a farfalle e Palumbo non riesce ad approfittarne, spedendo il pallone alto sopra la traversa. Dopo un minuto di recupero termina il primo tempo, Messina in vantaggio 1-0 sul Siracusa.

Foto Elena Andronico
Foto Elena Andronico

Al 3′ ci prova Ionut da casa sua, palla a lato di tantissimo. Ionut va ancora vicinissimo al gol al 12′: su cross respinto da Santurro, il terzino prova a piazzarla col destro, ma il portiere siracusano è bravo a deviare in angolo. Al quarto d’ora pareggio del Siracusa. Uscita disastrosa di Russo su cross dalla destra, che frana addosso a Scardina, nel frattempo la palla arriva a Valente che batte il portiere peloritano, lento anche a tornare in porta. 1-1 tra le squadre siciliane.

Al 19′ Messina vicinissimo al gol: Baldassin crossa dalla destra in area di rigore, Madonia col piattone si fa parare il tiro da Santurro. Grande occasione per i peloritani. Al 24‘ primo cambio per il Siracusa: fuori Scardina, dentro Talamo. Secondo cambio per il Siracusa al 33′: fuori Palermo, dentro Catania. Al 35′ rigore fallito dal Messina: Pozzebon, ben servito da Milinkovic, viene steso da Diakite. Sul dischetto si presenta ancora l’ex punta dell’Avellino, che però si fa parare il tiro da Santurro. Si rifà subito Pozzebon al 37′: pallone sporco in area di rigore, l’attaccante si gira e batte Santurro con un destro rasoterra. 2-1 e doppietta del bomber peloritano.

Cambio per il Messina: fuori Madonia, dentro Capua, mentre il Siracusa toglie Spinelli a favore di De Respinis. Al 47′ Capua non riesce a chiudere la partita calciando a lato su azione di contropiede. All’ultimo minuto di recupero Milinkovic mette la parola fine al match: contropiede strepitoso tra lui e Pozzebon, ben concluso dall’ex Salernitana dopo un tiro respinto del numero 9. Finisce così: il Messina vince 3-1 e parte benissimo in questa stagione. Vittoria importantissima anche in vista del derby di Reggio Calabria.

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.