Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#LegaPro. Pagelle Casertana-Messina: Musacci in giornata no, Berardi sugli scudi

Letto 253 volte

Il Messina esce con un buon punto dal Pinto di Caserta, invertendo finalmente il trend in trasferta che vedeva i peloritani sempre sconfitti dallo 0-0 di Agrigento in poi, ed è passato quasi un girone intero. Uno 0-0 che muove la classifica e che il Messina ha meritato contro una Casertana vogliosa solo sulla carta di riscatto dopo la batosta rimediata a Reggio Calabria, visto che a parte una conclusione di Ciotola nel primo tempo i campani non hanno mai impensierito severamente un ottimo Berardi. Musacci è l’unico neo del match: il capitano ha rimediato un rosso per doppia ammonizione, ma avrebbe potuto evitare specialmente il primo giallo, preso per eccessive proteste dopo un evidente fallo tattico di Mancini, anche lui punito dal direttore di gara.

Foto Antonio Maimone

PAGELLE MESSINA

Berardi, 6.5 – Quasi mai chiamato in causa, si supera quando nel primo tempo sbarra la porta a Ciotola, sicuro di andare a rete tutto solo e ben servito da Rajcic. Ancora una volta il portiere ex Lazio è uno dei migliori in campo.

Grifoni, 5.5 – Nel primo tempo sbaglia alcuni disimpegni elementari e molteplici controlli di palla. Non è in un grande periodo di forma, speriamo di vederlo al meglio nel rush finale.

Maccarrone e Rea, 6.5 – I centrali difensivi si dimostrano rocciosi e non fanno passare (quasi) nulla. Costringono i campani a tirare da fuori area non possedendo la precisione dei giorni migliori.

De Vito, 6 – Ottima la sua fase di spinta, specialmente nel primo tempo. Non concede quasi niente agli esterni avversari.

Sanseverino, 6 – Normale amministrazione per l’ex Pisa. Fa sentire la sua presenza in campo specialmente nel primo tempo. Nella ripresa cala e il suo posto viene preso da Madonia (voto 6).

Musacci, 4.5 – Ingenuità che costa un’espulsione in un momento cruciale di una gara fino a quel momento ben amministrata dal Messina. Il primo giallo è da evitare, anche perché l’ammonizione di Mancini era sacrosanta, quindi perché protestare? Non è una grande stagione per lui sotto tanti punti di vista, e si vede.

Musacci (foto Maimone

Da Silva, 6 – Ha voglia di riscatto dopo l’incredibile espulsione rimediata contro il Catania e va vicinissimo alla rete nel primo tempo, ma troppo impreciso sotto porta spara alto un colpo di testa. Gioca, si fa vedere e resta nel vivo del gioco.

Mancini, 5.5 – Non è la sua miglior partita: rimedia un giallo tanto essenziale quanto meritato per quel determinato momento del match, ma niente di più se non un tiro velleitario e impreciso. E’ forse in una fase di calo.

Mancini e Milinkovic (foto Maimone)

Milinkovic, 6 – Ottimo primo tempo, sempre uno spauracchio per la difesa rossoblu. Cala un po’ nella ripresa, ma questa volta ha preso per la maggior parte delle volte la decisione giusta.

Anastasi, 6 – Si sbatte sempre per la squadra facendola salire. Non ha occasioni da gol, ma rifinisce per gli accorrenti centrocampisti. Bravo.

Foresta e Capua, 6 – Entrano a partita in corso e compiono il loro dovere senza infamia né gloria.

IL MIGLIORE DELLA CASERTANA

Rajcic, 6 – Serve tanti palloni per i suoi compagni, ma non riescono a concretizzare. Il fulcro del gioco campano.

Foto Antonio Maimone

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.