Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Il siciliano Sergio Mattarella è il nuovo presidente della Repubblica

Letto 104 volte

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella

“Proclamo eletto presidente della Repubblica Sergio Mattarella”. Alle 13.31 la presidente della Camera Laura Boldini ha proclamato il dodicesimo presidente della Repubblica Italiana.

Il primo applauso, liberatorio, è arrivato mentre era ancora in corso il quarto spoglio, quando Montecitorio ha salutato Sergio Mattarella nuovo presidente della Repubblica Italiana.

E’ il primo siciliano a ricoprire questo incarico. La presidente della Camera Laura Boldrini ha letto i risultati del voto alle 13.26 e alla frase “Mattarella, voti 665” l’Aula si è alzata in piedi e ha applaudito per 3 minuti.

“Un’elezione che non porta con sé la puzza del patto del Nazzareno” ha commentato a caldo Nichi Vendola, leader di SEL, subito dopo l’elezione di Mattarella.

“Ho votato con piacere e convinzione Sergio Mattarella -ha dichiarato l’ex premier Mario Monti, Scelta Civica. Sono felice del risultato, perché è una persona della quale ho grande stima. Ha rifuggito le luci della ribalta, non è mai stato sopra le righe. Molti in Europa lo conoscono e lo rispettano. E’ un uomo di principi, esperienza e competenza, che si inserirà nel solco di Carlo Azeglio Ciampi e di Napolitano”.

“Non posso che essere felice che un siciliano sia stato eletto -ha detto il presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta. Chiaramente, non è che lo sarei stato comunque per qualsiasi siciliano. Ma Mattarela ha scelto la fedeltà alla Costituzione e rappresenta in modo personale e drammatico la lotta alla mafia. Mattarella è la Sicilia che piace a me, che fa il proprio dovere e sarà il garante di tutti gli italiani”.

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.