Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#GiardiniNaxos. G7 Taormina, ispezione antimafia in un cantiere

Letto 338 volte

Controlli antimafia nei cantieri del G7 di Taormina. Nell’ambito dei compiti istituzionali di monitoraggio delle imprese impegnate nella realizzazione di opere pubbliche, il Gruppo Interforze istituito presso l’Ufficio Territoriale del Governo di Messina con a capo un funzionario prefettizio e formato da ufficiali e funzionari della DIA, la Direzione Investigativa Antimafia, della Questura e dei Comandi Provinciali dell’Arma dei Carabinieri e del Corpo della Guardia di Finanza di Messina, coadiuvati dalla Direzione Territoriale del Lavoro e del Provveditorato Opere Pubbliche, ha eseguito (sotto il coordinamento operativo del personale della DIA,) un decreto emanato dal prefetto di Messina Francesca Ferrandino per l’accesso ispettivo in diversi cantieri aperti nel circondario di Taormina, città che si appresta a ospitare il vertice internazionale del G7 il 26 e 27 maggio prossimi.

Il controllo, effettuato sotto la direzione dal personale della Sezione Operativa DIA di Messina, coadiuvato da personale del Centro Operativo di Catania, ha riguardato i lavori di ripristino della pavimentazione stradale (bitumazione) e di rifacimento della segnaletica orizzontale di viale Dioniso, viale Jannuzzo e via Recanati del Comune di Giardini Naxos. L’appalto è stato bandito dalla Struttura Commissariale della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

L’accesso al cantiere, effettuato in maniera tale da non ostacolare la normale attività del cantiere stesso, ha permesso il controllo della società aggiudicataria dell’appalto, i cui rapporti contrattuali di fornitura, nolo ed eventualmente subappalto, le maestranze identificate ed i mezzi d’opera individuati, saranno oggetto di accertamenti e riscontri al fine di rilevare, nel contesto dell’ordinaria attività di prevenzione del Gruppo Interforze, eventuali criticità.