Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Da oggi al Cavallotti si pagano solo 50 centesimi l’ora

Letto 52 volte

 

Il parcheggio di piazza Cavallotti

Il parcheggio Cavallotti torna a pagamento ma la sosta costa solo 50 centesimi l’ora o un euro e 50 per mezza giornata. Lo Zaera invece continuerà a essere gratuito.

La tariffa si applicherà nelle fasce orarie 8.30-13.30 e 15.30-20.30 in attesa che la Giunta Accorinti approvi il nuovo piano tariffario, che sarà varato entro il periodo di sperimentazione dell’isola pedonale Cairoli, che scadrà il 15 luglio prossimo.

Dal 15 gennaio scorso, data di attivazione della zona pedonale l’esecutivo di Palazzo Zanca aveva disposto la sosta gratuita nel parcheggio Cavallotti e in quello di ponte Zaera e il provvedimento era stato prorogato fino al 15 aprile.

Durante la seduta di Giunta è stato approvato anche il protocollo d’intesa con le Confraternite di Messina per la realizzazione delle manifestazioni pasquali 2014.

Inoltre, sulla base dell’Accordo di Programma Quadro per la depurazione delle acque reflue, sottoscritto il 30 gennaio 2013 tra il ministero dello Sviluppo Economico dell’Ambiente e delle Infrastrutture e la Regione Siciliana, la l’esecutivo ha affidato gli incarichi per la progettazione definitiva dell’impianto di depurazione e dei collettori di adduzione a Tono.

Infine, sempre duramte l’ultima seduta di Giunta, è stata approvata la transazione per la definizione della controversia con l’impresa Albanese Costruzioni srl, che si era aggiudicata l’appalto per la fornitura di arredi per lo stadio comunale nel polo sportivo di San Filippo.

Francesca Duca

Ventinovenne, aspirante giornalista, docente, speaker radiofonica. Dopo una breve parentesi a Chicago, torna a preferire le acque blu dello Stretto a quelle del lago Michigan. In redazione si è aggiudicata il titolo di "Nostra signora degli ultimi" per interviste e approfondimenti su tematiche sociali che riguardano anziani, immigrati, diritti civili e dell'infanzia.Ultimamente si è cimentata in analisi politiche sulle vicende che animano i corridoi di Palazzo Zanca.