Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Cronaca. Sequestrati 2,8 milioni di beni a due ex soci di un istituto di vigilanza a Raddusa

Letto 666 volte

CATANIA. I Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania nei giorni scorsi hanno eseguito un provvedimento di sequestro preventivo emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Caltagirone, su richiesta di questa Procura, sui beni mobili e immobili nella disponibilità dei soci (fino al 13 luglio 2016) dell’Istituto di Vigilanza “La Sicurezza Srl”. Ai due indagati, Giuseppe Sberna (cl.1961) e Angela Paterniti Serafina (cl. 1965), sono contestati i reati tributari di omesso versamento di ritenute certificate e omesso versamento di IVA per un importo, tra imposte e sanzioni, di oltre 2.800,000 euro. In particolare, i complessi approfondimenti eseguiti dalle Fiamme Gialle del Gruppo di Caltagirone hanno permesso di conclamare il fraudolento intento attraverso il quale i predetti soci pro-tempore, mantenendo invariata la gestione reale dell’impresa a loro riconducibile, successivamente alla notifica da parte dell’Agenzia delle Entrate di atti di accertamento fiscale, hanno trasferito a soggetti terzi per escludere provvedimenti cautelari patrimoniali, le quote sociali e l’immobile sede dell’attività. Il provvedimento emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari, finalizzato a garantire all’Erario un importo equivalente alle imposte evase dalla Società, ha interessato, in particolare, l’unità immobiliare sede dell’Istituto di Vigilanza, ubicata nel Comune di Raddusa e costituita da 27 vani catastali, le somme giacenti in 19 conti correnti intestati o riconducibili agli indagati, 2 depositi bancari e dossier azionari accesi in diversi Istituti di credito.