Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Cronaca. Messina, l’amministrazione Accorinti lascia al buio i bimbi dell’asilo Boer

Letto 446 volte

Da giugno i 20 bimbi dell’asilo Boer-Verona Trento al Villaggio Matteotti sono senza luce e l’amministrazione Accorinti ancora non interviene. Da quanto denunciano il presidente del V Quartiere Ciccio Mucciardi, il vicepresidente Franco Laimo e il consigliere Marcello Cannistraci, tre mesi fa il Dipartimento Illuminazione Pubblica del Comune ha staccato la luce ritenendo (non è chiaro su quali basi) che l’erogazione di 30 kw fosse eccessiva. “In questi mesi la V Circoscrizione ha segnalato ripetutamente la grave situazione di interruzione di un servizio pubblico, che lede il diritto sacrosanto di tutti i bambini all’istruzione pubblica -spiegano Mucciardi, Laimo e Cannistraci. L’assessore agli Stabili Comunali Sebastiano Pino si è attivato pressando l’Enel e il Dipartimento perché la ripristinassero al più presto, ma a 3 mesi di distanza la situazione è rimasta vergognosamente la stessa. Come V Quartiere chiediamo il ripristino immediato dell’erogazione di energia elettrica”.

Inevitabili le conseguenze sull’attività didattica. Da dieci giorni, da quando le scuole hanno riaperto, i bimbi e le maestre sono costretti a lavorare senza luce, la porta deve restare sempre aperta perché è comandata elettricamente e persino i telefoni sono fuori uso. Bloccati anche il doposcuola e i servizi di sostegno allo studio e di integrazione. “Una situazione inaccettabile, da terzo mondo” denunciano i genitori, che dall’amministrazione Accorinti pretendono risposte immediate.

#Cronaca. Messina, l’amministrazione Accorinti lascia al buio i bimbi dell’asilo Boer
#Cronaca. Messina, l’amministrazione Accorinti lascia al buio i bimbi dell’asilo Boer
#Cronaca. Messina, l’amministrazione Accorinti lascia al buio i bimbi dell’asilo Boer
#Cronaca. Messina, l’amministrazione Accorinti lascia al buio i bimbi dell’asilo Boer

Elisabetta Raffa

Giornalista professionista dal secolo scorso, si divide equamente tra articoli di economia e politica, la cucina vegana, i propri cani, i libri, la musica, il teatro e le serate con gli amici, non necessariamente in quest’ordine. Allergica ai punti e virgola e all’abuso dei due punti, crede fermamente nel congiuntivo e ripete continuamente che gli unici due ausiliari concessi sono essere e avere. La sua frase preferita è: “Se rinasco voglio essere la moglie dell’ispettore Barnaby”.