Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Cronaca. Case chiuse e sfruttamento della prostituzione, due arresti a Caltanissetta

Letto 429 volte

CALTANISSETTA. Nella giornata di ieri i finanzieri del comando provinciale di Caltanissetta hanno eseguito un’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere, su disposizione della Procura della Repubblica di Caltanissetta, nei confronti di due soggetti di cui un italiano e una donna dominicana ritenuti figure chiave, tra diversi soggetti dediti allo sfruttamento della prostituzione. una complessa attività di indagine, condotta dalle Fiamme Gialle nissene, sotto il coordinamento della Procura della Repubblica – svolta attraverso l’ausilio di intercettazioni e di filmati, di pedinamenti, di sopralluoghi, di acquisizioni di documentazione bancaria – che ha consentito di far emergere un sodalizio criminale, composto da donne extracomunitarie e da italiani che, nella zona storica della città, aveva allestito in piccole abitazioni, il centro del business illegale. Le donne facenti parte del gruppo criminale, avevano il compito di reclutare le giovani, principalmente sudamericane, da far prostituire, mentre gli italiani, tra cui anche una donna, avevano il compito di curare gli aspetti legati alla locazione degli immobili, alla pubblicazione degli annunci su quotidiani per attirare clienti, nonche’ il compito di accompagnare le giovani prostitute nei vari spostamenti. Al termine dell’indagine, sette sono i soggetti indagati nel corso dell’indagine, ritenuti far parte a vario titolo dell’organizzazione dedita allo sfruttamento della prostituzione, in violazione della cosìdetta legge Merlin, due dei quali – ritenuti le figure principali– sono stati arrestati.