Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Cronaca. Bombole del gas in depositi abusivi, sequestrati 2700 chili di GPL

Letto 471 volte

La Guardia di Finanza di Siracusa ha eseguito un’operazione nel settore della detenzione e commercializzazione dei prodotti energetici. I finanzieri della Compagnia di Siracusa hanno scoperto un deposito di bombole non autorizzato, con la presenza di materiale esplodente in quantità eccedenti rispetto a quanto previsto dal certificato di prevenzione incendi, all’interno di un esercizio commerciale nel centro di Ortigia. Le Fiamme Gialle hanno individuato all’interno dei locali commerciali di via Vittorio Veneto un piccolo magazzino con 50 bombole contenenti 750 chili di Gpl, quantitativi assolutamente eccedenti il limiti previsti dall’autorizzazione contenuta nel certificato prevenzione incendi. L’illecito deposito, confinante con abitazioni, costituiva un pericolo per l’incolumità, e mai sarebbe stato autorizzato alla luce dei minimi sistemi di sicurezza ed antincendio detenuti. I finanzieri, oltre che nei locali commerciali, hanno rinvenuto altre 110 bombole per un totale di 1950 chili di Gpl, in via Pasquale Salibra, all’interno di un deposito completamente abusivo. Tutto il materiale è stato sequestrato e concentrato in un deposito autorizzato così da eliminare ogni pericolo per la sicurezza dei residenti. Il titolare dell’attività commerciale P.V., un 60enne originario del luogo, è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Siracusa per aver omesso di segnalare la detenzione di materie esplodenti o infiammabili, ai sensi del combinato disposto di cui agli artt. 16 e 18 del D.lgs. 139/2006 nonché art. 679 c.p.. L’intervento condotto dalla Guardia di Finanza di Siracusa attesta ancora una volta la particolare attenzione rivolta dal Corpo alla tutela dei consumatori, anche in questo particolare settore di servizio specie in considerazione del fatto che tali prodotti, destinati all’uso domestico, costituiscono se non debitamente controllati, rischi elevati per l’incolumità di chi illecitamente li commercializza e di chi li acquista