Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Cronaca. Aci Catena, individuato dalla Guardia di Finanza un centro scommesse abusivo

Letto 472 volte

CATANIA. I finanzieri del Comando Provinciale etneo, nell’ambito della attività di repressione del fenomeno della raccolta di scommesse illegali e del gioco d’azzardo, hanno intensificato i controlli nei confronti dei circoli e degli esercizi commerciali con corner che operano nel territorio acese. In particolare, i militari delle Fiamme Gialle di Acireale hanno sottoposto a controllo una cartoleria di Aci Catena, dove erano installati sette totem, ossia apparecchi utilizzati illecitamente poiché, attraverso una connessione telematica alla rete internet, consentivano online il gioco d’azzardo (poker, black jack, roulette), con riscossione in denaro delle relative vincite su piattaforme di gioco prive di concessione o autorizzazione rilasciata dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli. Questi totem sono stati sequestrati, e il titolare dell’esercizio è stato segnalato alla citata Autorità finanziaria e multato di 20.000 euro. Inoltre nello stesso esercizio commerciale i finanzieri hanno scoperto un’attività di raccolta abusiva di scommesse attraverso computer, che consentivano l’accesso online a siti gestiti da bookmaker stranieri privi della concessione statale necessaria, e per questo motivo il titolare è stato denunciato alla magistratura per il reato di esercizio abusivo di attività gioco o di scommessa (art. 4 legge 401/1989 che prevede la pena della reclusione da 6 mesi a 3 anni). L’attività di servizio della Guardia di Finanza nel settore dei giochi e scommesse è rivolta ad arginare qualsiasi tentativo della criminalità di infiltrarsi nel circuito legale, ed è diretta al recupero del gettito erariale, con particolare riguardo al prelievo sulle scommesse e sugli intrattenimenti nonché alla tutela dei consumatori, specie dei minori, dalle proposte di gioco illegali e prive di garanzia sulla regolarità del gioco e sulla probabilità di vincita.