Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Catania. Sbarco di 102 migranti, fermati due presunti scafisti del Gambia

Letto 178 volte

Ndiaya Ndiaga migranti scafista grigento Polizia (3)Ieri, sono sbarcati al porto di Catania 102 migranti di varie nazionalità, in prevalenza sub-sahariani. Tra di loro sono stati identificati due presunti scafisti del Gambia.

Subito dopo lo sbarco dal pattugliatore della Marina militare irlandese Lé Samuel Beckett sono stati avviate le operazioni di soccorso e identificazione. E così, gli agenti della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza di Catania hanno sottoposto a fermo  i diciottenni Isamila Nduree e Pa Landing Camara per i reati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e clandestinità .

I due sarebbero i componenti dell’equipaggio del gommone, salpato il 14 ottobre dalle coste libiche, su cui viaggiavano i migranti soccorsi dalla Lé Samuel Beckett.

Nel corso delle indagini le forze dell’ordine hanno raccolto le testimonianze dei migranti che hanno raccontato delle violenze subite da parte degli organizzatori del viaggio, prima della partenza dalla Libia.

Le preliminari evidenze acquisite dall’equipaggio del Lé Samuel Beckett e le attività investigative svolte dagli agenti della Squadra Mobile e del GICO ella Guardia di Finanza di Catania, coadiuvati da personale della Sezione Operativa Navale delle Fiamme Gialle, hanno permesso di raccogliere significativi elementi indiziari nei confronti dei cittadini del Gambia.

E così, gli investigatori della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza, coordinati a terra dalla Procura Distrettuale etnea, hanno fermato idue. I due presunti scafisti sono stati accompagnati presso la casa circondariale piazza Lanza di Catania a disposizione della locale Procura della Repubblica.

 

Antonio Maimone

Laureato in giornalismo all'Università di Messina. Ha sempre avuto la passione per il calcio e per lo sport in generale. Ha collaborato con diverse redazioni sportive e per Sicilians vi porterà all'interno di tutte le realtà sportive locali e regionali, facendo ogni tanto qualche passaggio in cronaca.