Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Catania. Il presidente Scuto inaugura l’anno giudiziario e parla di spending review

Letto 65 volte

TRIBunale catania (3)A Catania il presidente della Corte d’Appello, Alfio Scuto, ha presieduto la cerimonia di inaugurazione dell’anno giudiziario. Nella sua relazione ha parlato della spending review  del Distretto dal quale dipendono i Tribunali di Caltagirone, Catania, Ragusa e Siracusa.

Con la riforma della geografia giudiziaria, infatti, nell’ultimo anno il distretto di Catania ha perso dodici sedi distaccate –  Acireale, Adriano, Augusta, Avola, Belpasso, Bronte, Giarre, Grammochele, Lentini, Mascalucia, Paternò e Vittoria  oltre al tribunale di Modica con la sua Procura.

” Presso questo distretto la riforma ha determinato la soppressione del Tribunale di Modica e della relativa Procura della Repubblica, accorpati ai corrispondenti Uffici di Ragusa, nonché di tutte le Sezioni distaccate di Tribunale. Non si è trattato di decisioni indolori, soprattutto nel profondo sentire delle popolazioni residenti e delle loro legittime aspettative di Giustizia. è stata però portata a compimento, seppure in maniera decisamente radicale, l’attesissima revisione della geografia giudiziaria che, invocata da decenni in funzione di una razionalizzazione del risalente reticolo giudiziario e di una maggiore efficienza dei relativi servizi, si è piuttosto realizzata sull’onda della pubblicizzata operazione di spending review nella Pubblica Amministrazione.

Tutto ciò dovrebbe –  spiega durante la relazione il presidente Scuto preludere, come si ebbe già modo di prospettare nella precedente Relazione, ad un nuovo modello di Amministrazione della Giustizia, imperniato su figure specializzate di giudice, sull’implementazione dei processi di informatizzazione e telematizzazione della giurisdizione e dei servizi giudiziari, sull’immissione di nuovo personale amministrativo con qualifiche adeguate alle moderne metodologie del lavoro, sulla formazione e sull’aggiornamento degli operatori del settore”.

 

Antonio Maimone

Laureato in giornalismo all'Università di Messina. Ha sempre avuto la passione per il calcio e per lo sport in generale. Ha collaborato con diverse redazioni sportive e per Sicilians vi porterà all'interno di tutte le realtà sportive locali e regionali, facendo ogni tanto qualche passaggio in cronaca.