Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Capo d’Orlando, si rifiuta di fare sesso con il marito e lui la aggredisce: arrestato 61enne

Letto 2665 volte

MESSINA. Nella tarda mattinata di ieri i Carabinieri della Stazione di Capo d’Orlando e i militari della Sezione Radiomobile del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Sant’Agata Militello hanno arrestato in flagranza di reato il 61enne G. L., residente nel centro paladino, per il reato di maltrattamenti contro familiari o conviventi. I carabinieri sono intervenuti dopo la richiesta di una donna che segnalava di essere stata aggredita dal marito. La donna ha riferito di essere stata minacciata e aggredita fisicamente dal coniuge dopo aver rifiutato di avere un rapporto sessuale con lui. I militari dell’Arma hanno bloccato l’uomo, ancora in evidente stato di alterazione psicofisica e lo hanno accompagnato nella Stazione Carabinieri per accertamenti mentre alla vittima, soccorsa dai sanitari del Presidio di Continuità Assistenziale del luogo, sono state riscontrate lievi lesioni personali. L’attività di riscontro sulla denuncia sporta dalla vittima, svolta dai carabinieri sotto le direttive del pubblico ministero della Procura della Repubblica di Patti Andrea Apollonio con l’ausilio del personale della task force specializzata per il contrasto alle violenze di genere, costituita dal Comando Provinciale di Messina, ha permesso di accertare che l’uomo ha posto in essere nel tempo, ripetute minacce e atti vessatori, accompagnate talvolta da aggressioni fisiche nei confronti della moglie tali da generarle timori per la propria incolumità e influenzarne le normali condizioni di vita. L’uomo è stato arrestato in flagranza di reato per maltrattamenti contro familiari o conviventi e dopo gli accertamenti di rito è stato ristretto agli arresti domiciliari in una diversa abitazione, in attesa dell’udienza di convalida che si terrà presso il Tribunale di Patti. Anche in questa circostanza, la pronta risposta delle forze dell’ordine, oltre che l’altissima sensibilità dell’Autorità Giudiziaria, ha scongiurato il protrarsi e l’aggravarsi dei fatti.

Foto d’archivio