Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Caltanissetta. MUOS: per la Cassazione il sequestro tutela la salute

Letto 313 volte

Il MUOS di Niscemi
Il MUOS di Niscemi

La Corte di Cassazione ha depositato oggi le motivazioni con le quali ha confermato il sequestro del MUOS di Niscemi, in provincia di Caltanissetta. Un sequestro che per gli ermellini “è stato disposto con finalità di salvaguardia dell’ambiente e della salute degli abitanti”.

Bocciata quindi la tesi dell’Avvocatura dello Stato, che per conto del Ministero della Difesa aveva chiesto l’annullamento della conferma del sequestro del MUOS, il sistema di telecomunicazione satellitare della Marina militare statunitense .

“E’ la notizia più bella che potessi mai ricevere. Finalmente la tutela della salute degli abitanti di Niscemi e la salvaguardia del nostro territorio sono riconosciuti dalla Cassazione come un diritto inalienabile -ha commentato Franco La Rosa, il sindaco del centro nisseno.

Mi chiedo a questo punto a cosa servano le rilevazioni in corso da ieri sulle emissioni delle antenne disposte dal Consiglio di Giustizia Amministrativa -prosegue La Rosa- visto che per ora sul MUOS la partita è chiusa”.

Da ieri infatti, nella base militare statunitense sei tecnici nominati dal Consiglio di Giustizia amministrativa hanno iniziato a effettuare le rilevazioni sulle emissioni elettromagnetiche per determinarne la nocività. Le operazioni si concluderanno domani, ma a continuare sarà l’ondata di polemiche di chi teme fortemente le ripercussioni dell’impianto sulla salute e sull’ambiente. A maggior ragione, dopo la conferma allo stop decisa dalla magistratura.

Elio Granlombardo

Ama visceralmente la Sicilia e non si rassegna alla politica calata dall’alto. La “sua” politica è quella con la “P” maiuscola e non permette a nessuno di dimenticarlo. Per Sicilians segue l'agorà messinese, ma di tanto in tanto si spinge fino a Palermo per seguire le vicende regionali di un settore sempre più incomprensibile e ripiegato su se stesso. Non sopporta di essere fotografato e, neanche a dirlo, il suo libro preferito è “Conversazione in Sicilia” di Elio Vittorini.