Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Fondachello Valdina, i bambini delle elementari a scuola di sicurezza stradale

Letto 751 volte

MESSINA. Si è svolto stamattina in Piazza delle Palme, nella Frazione di Fondachello Valdina, un incontro tra il personale della Polizia Stradale ed i ragazzi della locale Scuola Primaria del plesso Giovanni Paolo II sul tema dell’educazione e della sicurezza stradale. All’incontro, organizzato dall’amministrazione comunale, oltre agli alunni ed i loro docenti, hanno partecipato il Comandante della Sezione Polstrada di Messina, il Comandante e gli operatori del distaccamento della Polizia Stradale di Barcellona Pozzo di Gotto e gli amministratori locali.
L’evento  nasce  con  l’obiettivo di veicolare ai ragazzi del territorio nozioni – impartite da personale qualificato – su temi importanti del vivere quotidiano, quali la sicurezza e l’educazione stradale.
Una manifestazione che è servita anche a far vedere ai ragazzi i mezzi, le dotazioni, gli equipaggiamenti che quotidianamente consentono agli operatori della Polizia Stradale di svolgere le varie attività che permettono di assicurare sicurezza e legalità agli utenti della strada.
Gli alunni della Scuola primaria hanno assistito con grande interesse e con partecipazione attiva, ponendo agli operatori numerose domande su svariati temi.
Il Sindaco Nino Di Stefano, nel suo breve intervento, ha ringraziato tutte le componenti che si sono adoperate per la buona riuscita dell’evento, augurandosi che quello odierno, sia stato il primo di una lunga serie di eventi di questo tipo.
Il primo cittadino ha altresì sottolineato l’importanza del ruolo delle Istituzioni che hanno il dovere di formare le nuove generazioni, indirizzandole verso la cultura della legalità e del rispetto delle regole.

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.