Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Attualità. Barcellona PG, al via il triduo di preparazione in onore della festa liturgica di San Giovanni Paolo II

Letto 418 volte

MESSINA. Nella parrocchia San Giovanni Paolo II di Porto Salvo, Barcellona PG, a partire dalla giornata odierna  avrà inizio il triduo di preparazione in onore della festa liturgica di San Giovanni Paolo II, nel 40° anniversario dall’alezione a sommo pontefice. Alle 18.15 raduno in via Turati e accoglienza di mons. Giovanni Accolla e del reliquiario della Madonna delle Lacrime proveniente da Siracusa. A seguire la processione verso la chiesa parrocchiale, durante la quale saranno previste delle soste presso le abitazioni di alcuni ammalati. Alle 19, nella chiesa S. Giovanni Paolo II, solenne pontificale presieduto dall’arcivescovo. Infine, mons. Cesare Di Pietro vescovo ausiliare di Messina, il sindaco di Barcellona P.G. Roberto Materia. Relazioneranno mons. D’Ercole e Robert Cheaib, docente delle Università Pontificie di Roma e noto conferenziere in Italia e all’estero.

Mons. Giovanni D’Ercole saluterà la comunità parrocchiale domenica 21 ottobre durante la celebrazione eucaristica delle 10.30.

LUNEDÌ 22 OTTOBRE, solennità di San Giovanni Paolo II, alle 18 è previsto il momento delle testimonianze all’interno della quale prenderanno la parola l’attrice Claudia Koll e mons. Slawomir Oder, postulatore della causa di canonizzazione di San Giovanni Paolo II e vicario giudiziale del Tribunale Ordinario della Diocesi di Roma.

Seguirà alle 19 la concelebrazione eucaristica presieduta da mons. Oder alla presenza delle autorità religiose, militari e civili della città. Al termine il sindaco di Barcellona P.G. Roberto Materia accenderà come da consuetudine la Lampada per la Città, a simboleggiare l’invocazione del popolo barcellonese a San Giovanni Paolo II.

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.