Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Assessorato al Patrimonio, Cucinotta mette i puntini sulle “i”

Letto 108 volte

L'assessore Filippo Cucinotta

Dopo il rimpasto delle deleghe in Giunta, l’assessore Filippo Cucinotta fa il punto della situazione, soprattutto in relazione al nuovo incarico al Patrimonio, precedentemente di competenza del vicesindaco Guido Signorino.

“A una decina di giorni dall’incarico di affidarmi, credo sia opportuno fare un primo piccolo  bilancio -dichiara l’esponente dell’esecutivo Accorinti. Lo reputo opportuno, perché purtroppo i tempi della polemica e della politica non possono certo coincidere. Rapidissima la prima, fondamentale non fare passi falsi nella seconda.

E’ evidente che si tratta di semi gettati e non di frutti raccolti, anche perché altrimenti sarebbe stato assurdo parlarne come se potessi attribuirmene meriti. Molte azioni sono state intraprese a vantaggio dei commercianti, una classe vitale per l’economia cittadina, che purtroppo spesso si ritrova  ad operare con notevoli problemi per difficoltà burocratiche.

In tal senso, in sinergia con il sindaco Renato Accorinti e l’assessore al Commercio Patrizia Panarello, abbiamo già tenuto un tavolo tecnico con i dirigenti competenti e i commercianti che operano in via Tommaso Cannizzaro, per condividere una soluzione attesa da tutti da almeno quindici anni, che auspicabilmente già nei prossimi giorni potrà permettere a diversi esercizi di occupare legittimamente il suolo pubblico in quella strada”.

In riferimento ad altre annose questioni, Cucinotta aggiunge che: “Ho firmato una delibera, ancora da presentare alla Giunta municipale, che potrebbe consentire ai commercianti debitori nei confronti del Comune di rateizzare la somma dovuta, con il duplice scopo di venire incontro a chi è in crisi e aumentare gli introiti comunali in un settore in cui c’è purtroppo tanta evasione. Inoltre, con la rateizzazione il commerciante sarà tenuto a riconoscere il proprio debito e così si limiteranno contenziosi e controversie”.

Quanto ad altre problematiche all’esame dell’assessorato, Cucinotta ricorda “di avere incontrato diverse famiglie che hanno subìto un notevole e inaspettato rincaro al momento dell’acquisto di una casa di edilizia residenziale pubblica. Questo rincaro, dovuto alla richiesta di contestuale rimozione del vincolo di prezzo massimo e di trasformazione del diritto di superficie in diritto di proprietà, può e a mio parere deve essere rimosso, in quanto la legge lo impone espressamente. In tal senso ho già dato mandato agli uffici di predisporre una proposta di modifica di delibera al Consiglio comunale.

Sono state create le premesse per realizzare un unico database dei beni patrimoniali in modo che possa essere consultabile e fruibile da tutti i cittadini direttamente attraverso il sito web del Comune di Messina”.

Relativamente alla Galleria Vittorio Emanuele, problema anch’esso irrisolto da decenni, Cucinotta evidenzia che: “Ho fatto richiesta di alcuni pareri legali, che saranno fondamentali per potere risolvere una situazione complessa causata dal fatto che l’immobile è un grande condominio e quindi le norme che lo regolano sono ben diverse da quelle di una semplice strada pubblica. In tal senso,  mi sembra del tutto irriguardoso dire che l’assessore Cucinotta non abbia fatto nulla, nonché assurdo immaginare che in dieci giorni si sarebbe potuta risolvere una questione insoluta da tempo.

Confermo -conclude l’assessore al Patrimonio- di avere stabilito nei prossimi giorni un fitto calendario di incontri con ASP5, Circoscrizioni, associazioni e il gruppo Beni comuni del movimento CMDB, che certamente porteranno ulteriori risultati finalizzati ad una gestione del patrimonio comunale più efficiente, partecipata e trasparente”.