#Ragusa. Protocollo d’intesa per supportare la fiction Montalbano

ragusa

Ragusa_IblaDefinito un protocollo d’intesa tra i comuni dell’area iblea interessati dalle riprese della fiction Montalbano. Con l’accordo si assicura  una più efficace valorizzazione delle opportunità turistiche e culturali collegate al fenomeno Montalbano, si impegnino ad individuare tra gli edifici che ospitano i set della serie Tv, i locali da destinare a spazi espositivi permanenti da gestire secondo forme da concordare con la Palomar.

All’incontro hanno partecipato  sindaci ed i rappresentanti dei comuni di Chiaramonte Gulfi, Comiso, Giarratana, Modica, Monterosso Almo, Pozzallo, Santa Croce Camerina, Vittoria.

“L’istituzione di questo Tavolo Permantete – ha detto il Sindaco Federico Piccitto aprendo l’incontro – è un passo importante in quanto tale organo diventa l’interlocutore diretto con la società di produzione cinematografica Palomar con la quale concorderemo e definiremo i percorsi utili alla valorizzazione e promozione dei territori dei comuni che assicureranno interventi ed azioni di supporto per le riprese della nuova serie del “Commissario Montalbano”. 

L’Assessore al turismo Stefano Martorana ha fatto presente che la Palomar entro il mese di marzo definirà le location per avviare le nuove riprese della fortunata serie televisiva. “Per tale motivo – dice Martorana – è necessario che ciascun comune manifesti l’interesse a che il proprio territorio sia coinvolto indicando i siti che possono essere messi a disposizione”.

I Sindaci ed rappresentanti degli enti oltre ad esprimere il proprio interesse e soddisfazione per l’istituzione del Tavolo Permanente, hanno deciso di promuovere il 19 febbraio prossimo, alle ore 11, un nuovo incontro per far sì che ciascun comune possa indicare le idee e le risorse che può mettere in campo per agevolare il lavoro della Palomar.

Definito questo ulteriore passaggio, il Tavolo Permanente avvierà quindi un confronto con i rappresentanti della Società Palomar per concordare le varie attività di promozione dei territori in cui verranno realizzate le riprese, a fronte degli interventi, sotto forma di contributi economici, logistica e location, che ciascun ente potrà mettere in campo a sostegno del lavoro della casa di produzione cimematografica.