#Catania. Efficienza energetica e sviluppo ambientale alle Ciminiere

progetto comfort 2015 (1) Accesi i riflettori sull’efficienza energetica e su tutto ciò che ruota attorno allo sviluppo ambientale.

Quanto è reale la riqualificazione energetica in Sicilia e in Italia? Si investe davvero sulle potenzialità di questo settore o il nostro territorio è ancora lontano da un costante sviluppo ambientale? Le risposte si trovano nel contesto imprenditoriale e culturale di Progetto Comfort, il Salone nazionale su Energia e Ambiente ospitato fino a domani, 18 aprile, dalle 10 e 30 alle 19 e 30, alle Ciminiere di Catania.

 Qui gli esempi concreti di sostenibilità e le best practice innovative sono il successo quotidiano di un settore destinato a cambiare in meglio la vita delle città e nelle case. Molte le opere realizzate, soprattutto per l’edilizia privata, e numerosi anche i progetti di riuso che interessano il patrimonio pubblico, tra cui spicca,  nell’area catanese, quello che ridarebbe nuova vita all’ex Consorzio Agrario, nel Viale Africa di Catania, oggi in evidente stato di degrado.

progetto comfort 2015 (2)Uno studio, ad opera di Emanuela Richichi, presentato questa mattina nel corso del convegno della sezione catanese dell’Inbar (Istituto nazionale di Bioarchitettura) presieduta da Dario Antignano. Nel corso dell’incontro è emerso come gli interventi di riqualificazione architettonica ed energetica garantiscano tempi di ritorno degli investimenti compatibili con le possibilità di spesa. Dello stesso parere gli esperti di Anie Energia, associazione inserita nel circuito delle imprese di Confindustria, che nel loro seminario – sempre questa mattina – hanno evidenziato le ottime opportunità dei cosiddetti “sistemi di accumulo” per l’autoproduzione e autoconsumo dell’elettricità, permettendo di abbattere  in maniera rilevante i costi soprattutto della filiera industriale.

“Il settore energetico risulta essere strategicamente di primario interesse per le nostre aziende e per il benessere dell’intera società” – ha affermato il direttore Marketing del Salone Giusy Giacone.

“Con la green economy – ha aggiunto l’amministratore delegato di Progetto Comfort  Salvo Peci – è possibile far fronte all’esigenza di lavoro in Sicilia. Si potrebbe creare occupazione per migliaia di ingegneri, tecnici e operai”

Domani, 18 aprile, la terza e ultima giornata di Progetto Comfort si aprirà con il prestigioso convegno di Aiat Sicilia su La Sicilia e i suoi rifiuti: una responsabile pianificazione per evitare le continue emergenze. “Faremo il punto sulla condizione di sofferenza cronica in cui versa la gestione dei rifiuti nella nostra regione – dichiara Giuseppe Mancini dell’Aiat Sicilia – ricordando, più che proponendo, poche chiare linee di indirizzo da attuare presto per avviare la Sicilia a una gestione realmente integrata, non solo nel rispetto del territorio e della popolazione presente ma soprattutto di quella futura”.

Il Salone è a ingresso libero con invito rilasciato sul sito dell’organizzazione.

#Catania. L’ecosostenibilità protagonista alle Ciminiere con il Progetto comfort

Salone nazionale Progetto ComfortGiovedì 16 aprile, alle 10 e 30, sarà inaugurata alle Ciminiere di Catania si svolgerà il Salone nazionale Progetto Comfort.

Dal 16 al 18 aprile si accenderanno i riflettori sull’efficienza energetica e su tutto ciò che ruota attorno allo sviluppo ambientale. “Nel 2015 – afferma l’amministratore delegato di Progetto Comfort Salvatore Peci, alla guida dell’organizzazione targata A2 Communication – investiamo per diffondere il valore della conoscenza, attraverso la più importante manifestazione fieristica del Sud Italia dedicata alle costruzioni eco-sostenibili e a tutti i settori merceologici ad esse correlati: i materiali eco compatibili, l’impiantistica avanzata, l’installazione dei sistemi di generazione dell’energia da fonte rinnovabile, il controllo intelligente dei sistemi gestionali del fabbisogno energetico, fino alla grande novità di quest’anno: i mezzi di trasporto a basso impatto ambientale”.

L’area espositiva e gli incontri tecnici all’interno della fiera spiega il direttore Marketing Giusy Giacone che: “saranno punto di riferimento per valorizzare il risparmio energetico, lo sviluppo della bioedilizia, la salvaguardia dell’ambiente e la climatizzazione degli ambienti civili e industriali, studiando un punto di equilibrio tra le politiche istituzionali e le risposte del mondo produttivo e professionale”.

Numerosi gli attori del settore chiamati a prendere parte al Progetto: personalità del mondo accademico e imprenditoriale, rappresentanti degli Ordini professionali, produttori e distributori, che mostreranno i più importanti sviluppi nella tecnologia, nell’impiantistica e nei sistemi energetici, tra tradizione e innovazione.

La settima edizione vanta inoltre: il sostegno del Gruppo Wurth, il patrocinio dell’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane e di ANIE Energia, che rappresenta le imprese elettrotecniche ed elettroniche, la collaborazione del docente del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Catania Giuseppe Mancini.

#Catania. Costruzioni, energia e ambiente: la sfida di Progetto comfort

Salone nazionale Progetto ComfortDal 16 al 18 aprile 2015, Catania apre le porte al mondo fieristico Eco. Alle Ciminiere si svolgerà  la settima edizione del Salone nazionale Progetto Comfort, che grazie alle quattro macro aree espositive tematiche – Energia, Ambiente, Eco Costruzioni e Clima – accenderà i riflettori sull’efficienza energetica e su tutto ciò che ruota attorno alla tematica.

La sfida è quella di superare le barriere tra domanda e offerta per agevolare il rilancio dell’economia locale. Questo fa di Progetto Comfort, organizzato da A2 Communication, la principale manifestazione Fieristica Nazionale del Sud-Italia del settore, che ha messo in agenda focus su: costruzioni eco sostenibili, materiali eco compatibili, impiantistica avanzata, installazione dei sistemi di generazione dell’energia da fonte rinnovabile, controllo intelligente dei sistemi gestionali del fabbisogno energetico. Occhi puntati anche sul trasporto efficiente, grazie all’utilizzo di mezzo sostenibili a ridotto impatto ambientale che, oltre al comparto dell’intermodalità, coinvolge anche il settore automobilistico.

Un appuntamento importante e in controtendenza con la crisi del settore fieristico che colpisce da anni il meridione d’Italia, complice anche una politica nazionale che finanzia quasi esclusivamente le realtà del Nord, portando gli imprenditori del Sud a farsi carico da soli degli sforzi finanziari necessari: “Visto il contesto generale, Progetto Comfort affronterà il tema – dice il presidente del Salone Salvatore Peci – il nostro lavoro è un esempio di buone prassi e dimostra che la voglia di fare prevale sulle difficoltà”.

Prestigiosi i patrocini dell’ICE (l’Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane) e di ANIE Energia, che aderisce alla Federazione di Confindustria e rappresenta le imprese elettrotecniche ed elettroniche. Si aggiungono al ricco bacino di realtà regionali e nazionali che supportano da sempre il Salone, l’Università di Catania, gli Ordini professionali di Architetti e Ingegneri e numerosi enti di categoria.

Il Salone è visitabile da giovedì 16 a sabato 18 aprile, dalle 10.30 alle 19.30, ingresso libero con invito rilasciato su www.progettocomfort.org

#Catania. Sciopero a oltranza dei lavoratori della Pubbliservizi

I lavoratori della manutenzione e viabilità della Pubbliservizi di Catania hanno iniziato uno sciopero a oltranza con una manifestazione che è iniziata ieri davanti al complesso culturale Le Ciminiere di viale Africa.

Lo rende noto la Fisascat Cisl di Catania, spiegando che “la decisione è scaturita dalla mancanza di risposte positive da parte dell’azienda partecipata dalla Provincia regionale, su soppressione del buono pasto, elargizione di premi ad alcuni dipendenti degli uffici, spese per esternalizzare servizi, mancato adeguamento livelli retributivi per i dipendenti che svolgono mansioni superiori”.

Oltre allo sciopero il sindacato prevede anche altre manifestazioni pubbliche.