#Palermo. SiciliAntica, passeggiata tra le torri a Lascari

Masseria a Lascari
Masseria a Lascari

Nell’ambito della manifestazione Un’Estate con SiciliAntica domani, martedì 18 agosto, alle 16.30 a Lascari si terrà una Passeggiata tra le Torri del territorio.

L’appuntamento è nella piazzetta sulla via Ugo La Malfa. Previsti i saluti di Giuseppe Abbate sindaco di Lascari, di Maria Elena Amoroso vicesindaco di Lascari e di Alfonso Lo Cascio, della presidenza regionale di SiciliAntica.

La visita sarà guidata da Salvo Ilardo, assessore alla Cultura e alle eredità immateriali e coautore del libro “Lascari e le sue torri. Una storia ritrovata”. L’iniziativa è stata organizzata in collaborazione con il Comune di Lascari. Alla passeggiata prenderà parte l’Associazione di promozione sociale “Il Girasole” Arci di Lascari.

Il territorio di Lascari è ricco di testimonianze del passato con un interessante presenza di torri d’avviso erette tra il XVI e il XVII secolo e che, tranne per Torre Bagari acquisita al demanio, sono tutte private. Tra queste, la Torre e la Masseria Torretonda vincolata dalla Soprintendenza ai Beni culturali.

 

#Palermo. Lotta al Lavoro nero, controlli dei Carabinieri in tutta la provincia

Cosrtuzioni_cantieri_ingegneria (2)Continua la lotta contro il lavoro nero nel commercio ma soprattutto nell’edilizia in provincia di Palermo.

I carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro e del Comando Provinciale, insieme agli ispettori della Direzione territoriale del lavoro DTL, nell’ultima settimana hanno controllato sei aziende, fra Palermo, Lascari, Cefalù e Campofelice di Roccella. Sono stati scoperti sei lavoratori in nero sui ventotto controllati. I Carabinieri, inoltre, hanno sospeso due attività imprenditoriali, contestato sanzioni amministrative per 120 mila euro.

In un cantiere edile, a Palermo, i militari hanno scoperto tre  lavoratori in nero sui cinque presenti. L’attività imprenditoriale è stata sospesa e sono state contestate al titolare dell’azienda diverse violazioni come: la mancata visita medica preassunzione e la mancata formazione/informazione dei dipendenti, il mancato utilizzo degli estintori, la mancanza del quadro elettrico di cantiere, la mancata predisposizione del bagno chimico, il non avere allestito idonee opere provvisionali, la mancanza di segnaletica di sicurezza, l’assenza del cartello di cantiere. Sono stati denunciati anche i due committenti dei lavori, co-titolari della concessione edilizia e comproprietari dell’immobile, responsabili della mancata verifica dell’idoneità tecnico giuridica della ditta incaricata dei lavori. Una ditta di metalmeccanica, sempre a Palermo, interessata ai lavori di ristrutturazione dello stesso immobile, impiegava un lavoratore in nero dei sette presenti. Al titolare sono stati contestati la mancata visita preventiva dei lavoratori e la mancata formazione degli stessi, la mancanza di un piano operativo di sicurezza, la mancata recinzione delle aperture nei solai.

A Lascari, al titolare di un’azienda edile è stato contestato l’utilizzo in cantiere di un escavatore danneggiato e di non avere predisposto un’idonea protezione allo scavo che si stava effettuando. A Cefalù, invece, al titolare di un’altra azienda edile è stata addebitato la mancata predisposizione di misure di protezione collettiva per i lavori in quota. Ma in questa sede per due lavoratori scattavano le sanzioni per non avere utilizzati i dispositivi di protezione individuale che invece gli erano stati forniti dalla proprietà della ditta.

A Campofelice di Roccella sono  stati controllati due negozi di abbigliamento gestiti da cittadini cinesi. In uno al titolare sono state addebitate diverse inosservanze sulla sicurezza fra cui le mancate valutazioni dei rischi e l’adozione del Documento di Valutazione dei Rischi (DVR), la mancanza del responsabile del servizio di prevenzione e del medico competente, nonché l’illecita installazione del sistema di video sorveglianza senza l’autorizzazione della locale Direzione Territoriale del Lavoro. Infine l’attività imprenditoriale è stata sospesa per l’impiego in nero degli unici due lavoratori presenti. Mentre, in un altro un negozio sono state riscontrate le stesse mancanze in materia di sicurezza della precedente attività, ma il personale tutto in regola con i contratti di assunzione.

#Palermo. Amministrative: ballottaggio a Carini, già eletti i sindaci negli altri comuni

elezioni (3)Tredici i Comuni della provincia di Palermo chiamati alle urne. Già eletti i sindaci in dodici comuni, al ballottaggio Carini dove si sfideranno Giovì Monteleone, che ha ottenuto 6 mila 191 voti (47,21%), e Gianfranco Lo Piccolo che, con 2 mila 355 preferenze, ha ottenuto il 17,96%.

Da notare che Monteleone ha ottenuto meno voti delle liste che lo appoggiano: L’altra Carini (1.466 voti 8,63%), Carini si Sveglia (1.324 voti 7,80%), Identità E Futuro – Comitati Civici (855 voti 5,03%), Azione Popolare (1.858 voti 10,94%), Partito Democratico (2.726 voti 16,05%) e Movimento Civico Scrusciu (469 2voti ,76%).

Filippo Dolce, che ha ottenuto 375 voti (44,64%), sarà il sindaco di Aliminusa.

A Caltavuturo, invece, Domenico Giannopolo era l’unico candidato a sindaco e ha ottenuto 1.774 voti, come a Lascari dove Giuseppe Abbate ha ottenuto 1.417 voti

A Collesano Angelo Gesaro è stato eletto con 960 voti  (41,78%), a  Godrano Epifanio Mastropaolo di voti ne ha ottenuti 347 (50,73%).

A Polizzi Generosa,  Giuseppe Lo Verde con 614 preferenze è stato il più votato raggiungendo il 33,87%. A Pollina, Magda Culotta è stata eletta con 923 voti (51,05%). Giuseppe Minutilla con 528 voti (48,17%) sarà il sindaco di San Mauro Castelverde.

A Santa Cristina Gela, Massimo Diano ha vinto con il 45,97%, 234 preferenze, Giuseppe Frisa con 245 voti (50,41%) ha conquistato Scillato. Mentre a Trabia, Leonardo Ortolano ha vinto con 3 mila 780 voti (66,46%) e a Villabate, Vincenzo Oliveri con 4 mila 192 (57,17%) sarà il nuovo sindaco.