Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Pier Paolo Pasolini tra i Ritratti bibliografici di Guadagnolo

Letto 233 volte

Francesco Guadagnuolo - “Pier Paolo Pasolini”, tecnica mista
Francesco Guadagnuolo – Pier Paolo Pasolini, tecnica mista

Il 2 novembre 1975 muoriva ucciso Pier Paolo Pasolini. Il pittore Francesco Guadagnuolo gli dedica una grande opera che lo ritrae.

Una posizione di rilievo nella copiosa produzione artistica di Guadagnuolo occupa il ritratto. In quest’arte difficile egli sa utilizzare il materiale pittorico con rapidi e densi tratti, riuscendo ad evidenziare, al di là della somiglianza fisica, la peculiarità più profonda dell’animo e del carattere del personaggio rappresentato.

Per questi suoi meriti, riconosciuti, Guadagnuolo è stato invitato a ritrarre importanti personalità del mondo ecclesiastico, politico e culturale.

Nella serie denominata Ritratti bibliografici, vi è un modo nuovo nell’affrontare la ritrattistica; sul segno-pittorico s’inserisce la parola, ovvero la bibliografia della personalità ritratta.

L’artista ha incluso nella serie anche Pier Paolo Pasolini, dove vengono evidenziate all’interno del quadro le sue opere. In questo caso l’opera appare nella sua totalità e vive di segno e di parola nell’unità intellettuale.

Osservando il ritratto di Guadagnuolo sull’intellettuale Pasolini ciò che colpisce alla mente dell’osservatore è come si vorrebbe approfondire l’analisi pasoliniana sugli eccessi e gli scompensi di costume italiano tuttora perduranti. Si vorrebbe attraverso i titoli delle sue opere poetiche o cinematografiche che siano, riprendere la strada percorsa quarant’anni fa da questo scrittore così accorto e partecipe ai fenomeni sociali tanto da esprimere opinioni e giudizi anticonformisti. La letteratura ancora negli anni settanta, con la sua autenticità trasgressiva e imponderabilità di accento puntava un ruolo superiore: gli articoli, le poesie e i saggi di Pasolini, infatti, furono incentivo di più di una semplice riflessione.

Il ritratto  non vuole essere solo un omaggio allo scrittore, ma intende fissare, attraverso la parola dei suoi libri, un orientamento futuro per un’Italia ancora da salvare in un momento di crisi politica, ideologica e culturale. Guadagnuolo raffigura Pasolini vivo, atto ancora a raccontare, attraverso la sua letteratura commovente, precaria nella vita, ma piena di tenerezza.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.