Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Nebrodi. Il NAS passa a tappeto macelli e aziende zootecniche

Letto 295 volte

carabinieri-nasContinua l’attività di controllo dei Carabinieri del NAS di Catania nella provincia messinese nel settore della sicurezza alimentare. La lente d’ingrandimento è calata ora sugli impianti di macellazione, per la verifica della corretta applicazione delle norme d’igiene e profilassi veterinaria. I controlli sono stati rivolti non solo ai mattatoi censiti e muniti del cosiddetto “riconoscimento comunitario”, ma anche all’individuazione di impianti abusivi collocati nella fascia pedemontana dei Nebrodi che si affaccia sul Tirreno, ove era forte il sospetto su alcune attività di macellazione clandestina di bestiame allevato nella zona.

In effetti, grazie alla preziosa collaborazione dei militari della Compagnia Carabinieri di Patti, è stata localizzata presso un’azienda zootecnica del circondario una sala di macellazione abusiva ove erano stati appena macellati alcuni capi ovi-caprini non censiti all’anagrafe veterinaria né tantomeno sottoposti alla profilassi veterinaria imposta dalla legge. La normativa di settore prevede infatti che tutti i capi di bestiame prima di essere macellati siano sottoposti preventivamente a visita veterinaria per accertare le condizioni di salute e che siano nuovamente ispezionati dopo la macellazione da un veterinario dell’ASP, presente in tutte le fasi di lavorazione per confermarne la salubrità.

Nell’azienda è stato scoperto anche un intero allevamento suino abusivo, sottoposto a sequestro sanitario. Analogo allevamento è stato scoperto e sequestrato in un’altra azienda del circondario, dove è stata sospesa l’attività di una sala di mungitura perché mancavano i prescritti requisiti igienico-sanitari. I controlli hanno interessato anche un vicino impianto di macellazione nel quale, stavolta con la collaborazione dei Carabinieri della Compagnia di Sant’Agata di Militello, è stata disposta l’immediata sospensione delle attività poiché era in corso la macellazione di capi di bestiame affetti da brucellosi, contemporaneamente a quelli sani, con grave rischio di contaminazione.

La legge consente, in alcuni casi, la macellazione di animali con positività alla brucellosi, a condizione che sia fatta in aree separate o in tempi diversi. L’attività di controllo dei Carabinieri ha comportato anche il sequestro sanitario di oltre 2.000 kg di carni macellate senza il rispetto dei criteri che ne garantiscano la salubrità e al vincolo sanitario di 20 capi di bestiame, mai sottoposti ai controlli veterinari. E’ assidua l’azione ispettiva del NAS nel delicato settore zootecnico, della produzione di carni e soprattutto dei prodotti caseari, nei quali è più facile che si insidino i rischi di contaminazione umana, già verificatisi nel recente passato nell’area sud della città di Messina, dovuti alla scarsa sensibilità di taluni allevatori e professionisti del settore, che ignorano le più elementari regole di igiene e profilassi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.