Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Merì, grande festa per il pensionamento del brigadiere Francesco Morabito

Letto 3302 volte

Stazione Carabinieri di Merì

MESSINA. Festa grande in un noto locale dell’hinterland di Barcellona Pozzo di Gotto per salutare il brigadiere dei Carabinieri Francesco Morabito, che dopo 38 anni di onorato servizio ha raggiunto il momento della pensione. Ciccio, così lo chiamano amici e familiari, è una vera e propria istituzione e per festeggiarlo e ringraziarlo del lavoro svolto al servizio della comunità di Merì, più di 100 persone tra colleghi, vertici dell’Arma e istituzioni cittadine si sono ritrovate per festeggiarlo, tutte legatissime da grande stima personale e professionale per il brigadiere Morabito. “Un militare – hanno dichiarano all’unisono i presenti – sempre al servizio del territorio con serietà e dedizione e pensando sempre al bene delle persone. È stato un carabiniere vicinissimo alla gente, rispettoso e capace di conquistare la stima di tutti con una naturale reciprocità, diventando un punto di riferimento certo, non solo per i cittadini ma anche per tutti noi”. Brindisi e momenti di commozione quando al termine del ricevimento è stato consegnato al festeggiato il regalo di tutti gli invitati.

Merì, grande festa per il pensionamento del brigadiere Francesco Morabito
Merì, grande festa per il pensionamento del brigadiere Francesco Morabito
Merì, grande festa per il pensionamento del brigadiere Francesco Morabito
Merì, grande festa per il pensionamento del brigadiere Francesco Morabito
Merì, grande festa per il pensionamento del brigadiere Francesco Morabito
Merì, grande festa per il pensionamento del brigadiere Francesco Morabito
Merì, grande festa per il pensionamento del brigadiere Francesco Morabito

Carmelo Amato

Barcellonese doc, il giornalismo è la sua ragione di vita. Indistruttibile, infaticabile, instancabile, riesce a essere sul posto “prima ancora che il fatto succeda”. Dalla cronaca nera allo sport nulla gli sfugge. È l’incubo degli amministratori di Palazzo Longano, che se lo sognano anche di notte e temono i suoi video e i suoi articoli nei quali denuncia disservizi e inefficienze e dà voce alle esigenze dei suoi concittadini. Sconfina spesso a Milazzo e dintorni.