Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#LegaPro. Il nome del Messina accostato al calcioscommesse, la società: “Noi parte offesa”

Letto 336 volte

Dopo giorni di tranquillità torna ad aleggiare preoccupazione in casa Messina, questa volta però non si tratta di problematiche societarie, bensì di calcioscommesse. I peloritani sono nel mirino della Procura che ha aperto un’inchiesta sul calcioscommesse, e nei giorni scorsi la Guardia di Finanza, come riporta La Gazzetta del Sud, ha effettuato perquisizioni e sequestri in diversi studi e abitazioni della città. L’indagine è curata dal sostituto procuratore Francesco Massara, e tra i quaranta indagati ci sarebbe anche Arturo Di Napoli, ex allenatore e giocatore del Messina, già squalificato per tre anni e sei mesi ormai da un anno nell’ambito dell’operazione Dirty Soccer.

Sarebbero quattro le partite in questione: Casertana-Messina 4-1, Messina-Benevento 0-5, Messina-Martina Franca 3-0 e Messina-Paganese 2-2, tutte giocate nella stagione 2015/2016. Già dopo alcune di queste partite sono emersi dei sospetti, specialmente dopo la sconfitta di Caserta e il pareggio interno con la Paganese, con l’ex presidente Stracuzzi su tutte le furie per le continue segnalazioni da parte di Federbet e la minaccia sollevata dall’ex numero uno dei giallorossi di ritirare la squadra vista anche la presenza di uomini per conto della Procura Federale negli spogliatoi del San Filippo.

Il Messina attuale, che con quello dello scorso anno non c’entra nulla visto il recente cambio di proprietà, si tutela sottolineando come la società sia parte offesa in un eventuale procedimento penale.
“A.C.R. Messina, in relazione alle notizie di stampa pubblicate oggi circa sviluppi dell’indagine riguardante il calcioscommesse nella stagione sportiva 2015/2016, esprime massima fiducia nell’attività degli investigatori e della giustizia.
Questa società opera nel pieno rispetto dei principi di legalità e lealtà sportiva e auspica che si possa fare presto chiarezza.
A.C.R. Messina – che è parte offesa in un eventuale procedimento penale – si tutelerà esercitando ogni azione necessaria a difesa del proprio nome e prestigio”.

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.