Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Cronaca. Pesca di frodo, sequestrati oltre 1.900 chili di novellame di sarda a Bagheria

Letto 494 volte

PALERMO. I finanzieri della Compagnia di Bagheria, nell’ambito delle attività di controllo economico del territorio hanno condotto un’operazione di contrasto al mercato illegale della pesca di frodo. Nella notte del 7 aprile le Fiamme Gialle hanno controllato due furgoni isotermici, nelle immediate vicinanze degli svincoli autostradali di Casteldaccia e Bagheria. All’interno dei mezzi erano trasportati rispettivamente 600 e 1320 kilogrammi di novellame di sarda, meglio noto come neonata. Entrambi i mezzi avevano effettuato la provvista in territorio calabrese e stavano trasportando la merce illegale nei mercati ittici di Porticello e Palermo. Il novellame sequestrato, previo controllo del personale sanitario è stato successivamente analizzato da sanitari dell’ASP, Azienda Sanitaria Provinciale che ne hanno certificato la non idoneità al consumo umano. L’intervento della Guardia di Finanza ha così evitato che questa grossa mole di specie protetta, in condizioni non sicure a livello igienico fosse distribuita e consumata. È stato quindi eseguito il fermo amministrativo di un mezzo ed elevati verbali per sanzioni di circa 25.000 euro per il mancato rispetto delle norme sanitarie. Le violazioni riscontrate sono state segnalate alle preposte Autorità amministrative (Ufficio Circondariale marittimo). Il valore di tutta la merce sequestrata nel locale mercato nero è stimato in 48.000 euro. L’operazione svolta rientra nel piano di contrasto all’evasione fiscale nel settore, all’abusivismo commerciale e all’attività illecita dei pescatori di frodo che, per mirare a ingenti guadagni sul mercato nero dei prodotti ittici pregiati rischiano di procurare un serio pregiudizio allo sviluppo della fauna marittima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.