Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

Cronaca. Castelvetrano, arrestati due spacciatori sorpresi in auto con 500 grammi di hashish

Letto 540 volte

TRAPANI. I finanzieri della Tenenza di Castelvetrano, con l’ausilio delle unità cinofile del Gruppo Guardia di Finanza della città siciliana hanno effettuato numerosi posti di controllo lungo le arterie stradali che conducono alla Valle del Belìce per prevenire e reprimere il traffico di droga della fine settimana. Il servizio in parola è stato intrapreso a seguito di specifica attività d’intelligence basata su informazioni raccolte sul territorio e integrate con le risultanze emerse dalle banche dati in uso al Corpo. Gli elementi info-investigativi acquisiti hanno suggerito ai militari le rotte da monitorare, nonché le fasce orarie e i giorni nei quali, con alta probabilità, potevano essere individuati i carichi di sostanze stupefacenti. Non appena le pattuglie impiegate tra Salemi e Gibellina hanno individuato l’auto con a bordo due delle persone ritenute sospette è scattato il blitz.

I finanzieri hanno immediatamente fermato la vettura nei pressi di un distributore di carburante e hanno chiesto alle due persone presenti informazioni relative alla loro provenienza. I due soggetti, in forte stato di agitazione hanno reso risposte del tutto contraddittorie sostenendo persino di non conoscersi. L’intervento immediato delle unità cinofile antidroga, già presenti sul posto ha consentito di individuare all’interno del veicolo ben 5 panetti di hashish e 600 euro di denaro contante. I due corrieri, un italiano e un senegalese residenti a Castelvetrano sono stati arrestati e sottoposti a perquisizioni personali. Perquisite anche le loro tre abitazioni, all’interno delle quali i finanzieri hanno rinvenuto altra droga suddivisa in dosi, pronta per essere ceduta, nonché un bilancino di precisione e altro materiale utilizzato per il confezionamento. Nel complesso sono stati sequestrati mezzo chilo di hashish, 7 grammi di cristalli di crack, 3 cellulari, 600 di denaro contante, materiale da confezionamento e una patente di guida. L’attività di servizio in parola conferma il fondamentale ruolo di polizia economico-finanziaria svolto dalla Guardia di Finanza nel contrasto ai traffici illeciti di sostanze stupefacenti, a tutela della salute e della sicurezza di tutti i cittadini.