Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#C’eraunavoltailcinema. L’abbiamo fatta grossa

Letto 676 volte

labbiamo-fatta-grossaL’abbiamo fatta grossa

Paese: Italia

Genere: Commedia

Durata: 112 minuti

Regia: Carlo Verdone

Carlo Verdone porta in sala un duetto comico che lo vede coinvolto, insieme ad Antonio Albanese, in una vicenda surreale, comica e a tratti noir, genere nel quale si può dire che si cimenti per la prima volta.

Lo squattrinato e pressoché fallito attore teatrale Yuri Pelagatti (Antonio Albanese) che a causa della separazione dalla moglie non riesce più a ricordare le battute, si rivolge ad Arturo (Carlo Verdone), un investigatore che non ne fa una giusta, per scoprire se la moglie lo tradisce. La coppia scoppia fin da subito e non riesce proprio a combinarne una giusta. Per caso però, entrano in possesso di una valigetta strapiena di soldi…

Verdone lascia l’ambito sociale che gli è caro per cimentarsi in una vicenda di pura fantasia e per quanto riguarda le sue doti registiche e attoriali bisogna dire che l’esperimento è riuscito. L’accoppiata con un altro comico di razza come Albanese riesce alla perfezione e da sola tiene in piedi un film che altrimenti non reggerebbe, vista la sceneggiatura davvero semplice e banale, quasi fatta su misura per reggere la filata di gag dei due comici.

Un buon prodotto come quasi sempre sono i film di Verdone, divertente senza essere volgare, intelligente e in grado come sempre di far immedesimare lo spettatore nel personaggio dell’attore e regista romano. L’unica pecca, comune ahimè a tutto il cinema del brillante Carlo Verdone, è che i suoi personaggi sono sempre gli stessi, andando a grattare sotto la doratura superficiale, ma sono problemi solo se si vuole che lo siano. Consigliato a tutti.

Paolo Failla

Sano di mente nonostante un'infanzia con classici Disney e cartoni animati giapponesi, il battesimo del fuoco arriva con i film di Bud Spencer e Terence Hill, le cui opere sono tutt'ora alla base della sua visione sull'ordine del cosmo. Durante l'adolescenza conosce le opere di Coppola, i due Scott, Scorsese, Cameron, Zemeckis, De Palma, Fellini, Monicelli, Avati, Steno e altri ancora. Su tutti Lucas e Spielberg . Si vocifera che sia in grado di parlare di qualsiasi argomento esprimendosi solo con citazioni varie. Ha conosciuto le vie della Forza con una maratona di Star Wars di oltre 13 ore.