Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Capod’Orlando. Tentata rapina, 4 arresti e una denuncia

Letto 461 volte

Foto d'archivio
Foto d’archivio

In trasferta da Palermo per mettere a segno una rapina in un ufficio postale. Ieri mattina i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Sant’Agata di Militello e della Stazione di Capo d’Orlando impegnati in servizi di controllo del territorio e antirapina sono intervenuti in frazione Piana di Capo d’Orlando bloccando e arrestando in flagranza di reato per tentata rapina aggravata in concorso e ricettazione quattro palermitani già noti alle forze dell’ordine. In manette Daniele Visconti (classe ’70), Onofrio Palazzo (classe ’67), Gaetano Licata (classe ’50) e Salvatore Visconti (classe ’60). In dettaglio i malviventi, raggiunta il luogo individuato per mettere a segno la rapina, facendo uso di una Fiat Uno rubata nel luglio scorso e di un’altra auto con targa romena, hanno tentato di fare irruzione nell’ufficio postale con il volto coperto da un passamontagna e armati di coltelli a serramanico.

I carabinieri, riconosciuto in un pregiudicato del luogo il conducente dall’auto con la targa estera (che si era allontanato subito) e notata la Fiat Uno rubata, avendo compreso ciò che stava accadendo hanno bloccato i quattro rapinatori prima del loro ingresso nell’ufficio postale. Successivamente, a conclusione di prolungate ricerche condotte anche con l’ausilio dei carabinieri delle stazioni limitrofe, è stato rintracciato e denunciato in stato di libertà alla magistratura con l’accusa di essere il basista del gruppo una quinta persona, un 26enne di Capo d’Orlando, anche lui già noto alle forze dell’ordine, quale conducente dell’auto con la targa romena.

Tutto il materiale utilizzato per il travisamento prima della mancata rapina, le armi bianche e le auto sono state poste sotto sequestro e trattenute per ulteriori accertamenti tecnici. I quattro arrestati sono stati condotti nel carcere di Messina Gazzi, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Patti, in attesa dell’udienza di convalida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.