Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Calcio. Tavares: “L’arbitro si è scusato. Darò sempre il massimo per il Messina”

Letto 234 volte

Foto Antonio Maimone
Foto Antonio Maimone

E’ il protagonista principale di questo finale di stagione Diogo Tavares, autore di un altro splendido gol nel pareggio casalingo del Messina contro il Lecce. Il centravanti peloritano analizza la partita e racconta la sua chiacchierata con l’arbitro dopo il fischio finale.

“Ho parlato con l’arbitro dopo la partita, devo fargli i complimenti, perche mi ha detto: “Diogo se ho sbagliato nel concedere il rigore chiedo scusa, lo rivedrò“. Sicuramente lo farà perchè vuole migliorarsi, così come io sbaglio un gol, lui può sbagliare un fischio, un fallo o un rigore. Secondo me non c’era, ma se ha sbagliato ha già chiesto scusa, quindi tanto di cappello. Dopo questo episodio abbiamo avuto la forza e il carattere di pareggiare la partita contro una squadra forte”.

“Cocuzza si meritava quel gol – ammette rammaricato. Sono dispiaciuto per lui, non tanto per la vittoria, che sicuramente ci avrebbe reso felici, ma sarebbe stato bello vederlo segnare dopo tutto quello che ha passato negli ultimi mesi, però in queste ultime partite sono sicuro che si toglierà delle soddisfazioni e se Dio vuole riuscirà anche a segnare”.

Sull’infortunio che lo ha tenuto fermo ad inizio stagione: “Qualche rimpianto c’è sempre, dispiace quando qualcuno si fa male. Fino ad oggi ho cercato sempre di dare il massimo di me stesso ed essere il migliore professionista possibile. Mi sto togliendo delle soddisfazioni anche grazie all’affetto della gente, mi dà carica e stimoli, questo è il segreto del finale di stagione. Darò sempre il massimo per non deludere queste persone che mi vogliono bene”.

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.