Resta sempre aggiornato e seguici sui social, clicca "Mi Piace"

#Calcio. Il Messina perde grazie a due rigori: la Juve Stabia vince 2-1

Letto 296 volte

Juve Stabia Messina5Termina con il risultato di 2-1 la partita del Menti tra Juve Stabia e Messina. I peloritani, passati in vantaggio ad inizio match con Scardina, alla sua prima rete con la maglia giallorossa, si sono fatti raggiungere dalle Vespe con due rigori, il primo molto dubbio, trasformati da Favasuli e che hanno causato l’espulsione per doppia ammonizione di Fusca, oggi in campo dal primo minuto.

Alcune novità di formazione per il Messina, soprattutto nel reparto arretrato: in porta Berardi, difesa a quattro con Barilaro e Zanini sulle fasce, Mileto e Fusca centrali. Al centrocampo confermato il trio composto da Baccolo, Fornito e Giorgione, mentre in attacco riecco il tridente formato da Tavares, Gustavo e Scardina.

Nella Juve Stabia occhio alla coppia d’attacco formata da Del Sante e Diop e all’ex di turno Maiorano.

La partita inizia con il vantaggio del Messina: Scardina ben lanciato da Tavares in velocità trafigge il portiere Russo con un preciso sinistro in diagonale. Prima rete in giallorosso, la seconda stagionale per l’ex attaccante della Roma. Il tutto allo scoccare del settimo minuto di gioco. 1-0 per il Messina.

La reazione della Juve Stabia è al 9′ con un colpo di testa Polak sugli sviluppi di un calcio di punizione eseguito da Contessa, ma il pallone termina alto sopra la traversa difesa da Berardi.

Al 13′ stessa identica dinamica: cross di Contessa, colpo di testa di Polak e palo clamoroso del centrale difensivo delle Vespe.

Si fa rivedere il Messina al 19′: Maiorano lascia il pallone tra i piedi di Gustavo che si intrufola in area di rigore e calcia col sinistro, para in due tempi Russo. Sul ribaltamento di fronte il palo della Juve Stabia con Nicastro dopo una respinta mal eseguita dalla difesa peloritana

Ancora Messina al 32′ con Gustavo, che appena dentro l’area di rigore calcia al volo di sinistro dopo la sponda di Scardina, palla che finisce sul palo. Sul corner seguente prodezza di Russo sulla girata a botta sicura di Tavares. Domina in questa fase il Messina.

Tavares un minuto più tardi, ben servito da Scardina, calcia col destro verso l’angolo opposto, palla a lato di pochissimo.

I peloritani si divertono e vanno ancora una volta vicini al gol con Giorgione che al 37′, dopo una grande giocata di Baccolo, va vicino al gol con un destro al volo. Palla a lato di poco.

Si fa rivedere la squadra di casa al 38′: punizione del solito Contessa, girata al volo di Nicastro e palla alta di poco.

Al 42′ problemi alla schiena per il portiere del Messina Berardi, che è costretto ad uscire, al suo posto entra Addario.

Allo scoccare del 45′ super azione di Lisi: l’esterno della Juve Stabia supera Barilaro con una finta, calcia col destro a giro, palla che si stampa sul palo più lontano a portiere battuto.

Dopo due minuti di recupero l’arbitro manda tutti negli spogliatoi. 1-0 per il Messina, bella partita finora al Romeo Menti di Castellammare.

Scardina e Tavares (Foto Antonio Maimone)
Scardina e Tavares (Foto Antonio Maimone)

Cambio nell’intervallo per il Messina: fuori Barilaro, dentro Burzigotti.

Subito Messina pericoloso al primo minuto con Fornito, che da oltre trenta metri tenta il gol della domenica con un pallonetto velenoso, palla fuori non di molto.

Al 49′ altra nitidissima occasione per il Messina: Gustavo in area di rigore supera Polak e calcia col destro da ottima posizione, palla a lato di pochissimo.

Al 51′ cambio tra ex nella Juve Stabia: fuori Maiorano, dentro Izzillo.

Al 55′ Juve Stabia vicina al pareggio: bella azione di Del Sante in area di rigore, destro in diagonale dell’ex Vigor Lamezia e Addario respinge, così come un minuto più tardi su Izzillo, che da posizione defilata calcia addosso al portiere del Messina.

Dopo una fase di stallo si rivede in avanti la Juve Stabia con Izzillo che prova dal limite dell’area, para senza problemi Addario.

Al 69′ occasione per la Juve Stabia: cross al centro di Cancellotti, la palla arriva a Lisi che a botta sicura centra in pieno Nicastro, che salva praticamente la porta di Addario.

Al 72′ calcio di rigore per la Juve Stabia: Diop con un sombrero supera Fusca, che secondo l’arbitro stende Diop. Dal dischetto si presenta Favasuli, che col sinistro batte Addario, 1-1.

Al 77′ altro calcio di rigore per la Juve Stabia per fallo di mano di Fusca, che si becca il secondo giallo. Questo fallo è molto più evidente del primo. Dagli undici metri ancora Favasuli contro Addario, ed ancora una volta il centrocampista della Juve Stabia segna. 2-1 per le Vespe.

Due calci di rigore in cinque minuti per la Juve Stabia. Il secondo sembra netto, il primo farà sicuramente discutere.

Reagisce il Messina con Gustavo, che all’81’ calcia dal limite col sinistro, palla a lato di pochissimo.

All’87’ super parata di Addario su Nicastro, che in girata dentro l’area di rigore calcia col sinistro, ma è bravissimo il portiere del Messina a deviare in angolo.

L’ultima occasione della partita è del Messina con Fornito, che al 94′ calcia da casa sua, ma Russo devia in angolo, che non sarà mai battuto.

Termina così, dopo quattro minuti di recupero, la partita del Menti. Una sconfitta che brucia per il Messina, soprattutto per come è arrivata. La salvezza non è in discussione, e la matematica potrebbe arrivare già la prossima settimana in caso di risultato pieno contro il Lecce, in lotta per la promozione.

Giuseppe Marino

Laureato in Giornalismo all'Università degli studi di Messina. Si occupa a tutto campo della sezione sportiva di Sicilians, con un occhio di riguardo verso il calcio nostrano. Vi racconterà di tutto e di più sull'ACR Messina e sul panorama sportivo regionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.